mercoledì 15 gennaio 2020

L'ologramma della terza repubblica è giallo - verde


Il lupo era riuscito ad ingoiare la nonna di Cappuccetto Rosso, un travestimento perfetto per il colpo finale: divorare e saziarsi completamente con l'innocente bambina. Cappuccetto rosso che come al solito andava a trovare la nonna, fu ingannata dal travestimento del lupo che ingoiò anche lei e saziò completamente la sua bramosa fame, cosa che costò caro alla bestia, perché il cacciatore che passava da quelle parti trovò strano il russare forte della vecchia signora e così vide il lupo a cui sventrò la pancia per far uscire la nonna e cappuccetto rosso vive e dopo sventrò ed uccise il lupo. Storia macabra che è un pò il simbolo della storia occidentale specie degli ultimi secoli, infatti da quando il diritto divino di governare, la schiavitù, l'oligarchia e tutto ciò che rende l'uomo un essere non libero, sono state rigettate dalla coscienza collettiva umana, non essendo più viste come facenti parte del corso naturale della vita, il cosiddetto "potere" ha dovuto ricorrere al travestimento sempre più spesso come unico metodo per riuscire a governare la realtà. Il lupo travestito da pecora, il passaggio al lato oscuro sono potenti archetipi che vengono esaltati da milioni di persone in tutto il mondo, con varie saghe cinematografiche dal successo planetario. Questi archetipi e queste fiabe credo possono aiutarci a comprendere meglio gli eventi italiani degli ultimi mesi e soprattutto lo stranissimo ribaltatore e traumatico mese di agosto del 2019. Poco più di un anno fa, scrissi un articolo sull'allora nascente governo giallo-verde, su come questa alleanza avesse acceso una forte speranza anche per gli archetipi differenti che i due partiti (Lega e Movimento 5 stelle) incarnavano, della maggioranza di italiani che appoggiavano con entusiasmo, come mai si era visto negli ultimi decenni, quel governo, di un nascente spirito patriottico sempre latente e poco sviluppato nella nostra nazione. Nonostante i complottisti classici e puri vedessero il tutto con sospetto, quanto non in maniera fortemente critica, questa alleanza, da un certo punto di vista pur se in modo distorto, incarnava proprio il lato fortemente mainstream di tutto il complottismo italiano che si era formato dal post 11 settembre. Un canale come byoblu (dichiarato complottista dal mainstream) aumentava i suoi iscritti anche grazie al fatto che era stato anche il mezzo con cui molte "stars" di quel governo si erano relazionate prima di essere illuminate dalle luci del mainstream e molti temi scomodi, anche se mai affrontati di petto dal governo, sono comunque emersi nella stampa proprio perché lo stereotipo comune é che 5 stelle (soprattutto) e Lega sono due partiti complottisti e non importa se sia vero o meno, quando si incarna quel simbolo e quello stereotipo (o almeno è il mainstream che ce lo fa credere ed esso è quello che conta nella percezione della realtà della nostra società), è impossibile non aspettarsi un aumento di "temi complottisti". Come ripetuto anche in passato, i grandi eventi si comprendono e portano cambiamenti non per un percorso logico, ma per un cambio di percezione. In realtà già si poteva evincere qualcosa di strano ed artificioso in questa anomala alleanza giallo-verde, ma l'entusiasmo e la novità rendevano ciechi e nessuno aveva il coraggio di affermare che sarebbe stato un progetto di brevissima durata. Per circa un anno si è vissuti in una dimensione parallela dove la seconda repubblica è crollata ed è emersa la terza, ebbene si, abbiamo vissuto in una sorta di ologramma della terza repubblica che in realtà si è rivelato come l'ultimo tentativo di perpetuare il "cambiare tutto per non cambiare niente". Questa simulazione o realtà parallela della terza repubblica ha avuto effetti reali ed è stato effettivamente un nascondere e mettere da parte per un anno pieno, tutto ciò che rappresentava la seconda repubblica, quindi effettivamente non bisogna assolutamente dichiararsi ingenui o stupidi per aver appoggiato quel governo, perché a conti fatti ha anticipato pur se teatralmente ed olograficamente, un certo sentire e percezione di futuro dell'Italia. E' stato un manifestarsi nella realtà di una commedia da molti desiderata. La percezione cambia tutto, il teatro, le maschere servono a mostrare ciò che non è evidente, i vari collegamenti nascosti. Si è assaggiata una certa mela ed ora sappiamo che sapore ha.  
Naturalmente tutto questo mio discorso non è assolutamente politico, non ho ancora fatto un'analisi del genere, siamo a livello percettivo, in questa fase del discorso non ci interessa se hanno ragione i grillini o i leghisti (anche perchè entrambi hanno forti colpe che vedremo), stiamo mostrando un'anomalia, uno scatto della coscienza collettiva di questa strana terra a forma di stivale che almeno dal 2011 ha interiorizzato ben prima di altre parti del mondo la falsità dei bipolarismi in politica, il dividi et impera della destra e sinistra, un popolo che ha un bisogno enorme di superare lo stereotipo dell'italiano furbo e ladro, che passa da un'alleanza all'altra per rimanere a galla non riuscendo a costruirsi un ethos forte (come la Germania e la Francia ad esempio) tanto da potersi mostrare in maniera fiera ed indipendente nella scena internazionale (vedere miei articoli del 2011-2012 e 2013 sulla crisi dei partiti innestata da Monti ed accesa dai 5 stelle). Questo scatto di orgoglio ha creato questo ologramma giallo-verde e non poteva essere diversamente visto che il partito che più di tutti incarnava queste logiche di superamento destra e sinistra (ovvero che ha portato nel mainstream il discorso in Italia) e di primato dell'etica per superare ricatti e corruzione, è stato proprio il Movimento 5 stelle e qui non c'è nessuna analisi di tipo buono e cattivo è semplicemente come venivano percepiti dalle persone, anche perché effettivamente si avevano anche dei riscontri reali: dall'abbassarsi gli stipendi (fantapolitica prima del 2013 almeno in Italia) e donare i ricavati alle piccole medie imprese, al limite dei mandati, alla mancanza di corrotti (che nei rarissimi casi venivano espulsi dal movimento), alle sperimentazioni e al parlare dopo secoli di democrazia diretta, accusando di limiti la democrazia rappresentativa, tutto questo aveva acceso una così forte speranza che dal 2013 (anno d'ingresso dei 5 stelle in politica), fino al 2018, non hanno mai avuto veri avversari, sono stati infatti in continuazione il primo partito italiano, quello più votato, con la sfortuna di non essere fortemente radicato nel territorio tanto da non presentarsi o far figure scarse nelle regionali o nelle europee (quelle del 40% preso da Renzi, molti già allora illudendosi parlavano di ventennio renziano, un pò come fanno oggi con Salvini).
Era chiaro però che nelle elezioni nazionali non hanno mai avuto veri sfidanti se non le grosse coalizioni di centro destra e centro sinistra che nonostante il grande potere economico e mediatico, non riuscivano a superare i 5 stelle nel loro periodo di apice e consenso anche tutti insieme (persino se uniamo i voti della Lega, al suo risultato più alto nelle elezioni nazionali del 2018, con quello di Forza Italia, entrambi rimangono un punto percentuale sotto ai grillini). Insomma l'ologramma giallo-verde aldilà della Lega e di cosa possano pensare i leghisti che sono da molti decenni in politica, in realtà provocava euforia soprattutto perchè per la prima volta una forza concepita come anti-casta ed antisistema, andava al governo. Era un modo per dire "finalmente sono andati al potere, vediamo che fanno", questo sia i nemici che gli amici dei grillini lo pensavano. La componente verde (leghista) composta da alcune "stars" che si mostravano come anti-euro ha aumentato l'entusiasmo persino verso elettori puramente di destra (o che incentravano le loro critiche anti sistema solo sul lato economico) che hanno sempre schifato i grillini e qualunque cosa assomigliasse vagamente ad una politica di sinistra, però è naturale che nonostante i mass-media per evidenti ragioni abbiano pompato Salvini dal giorno uno, il vero entusiasmo, curiosità e la pax politica proveniva da un partito che meglio di tutti aveva incarnato (almeno teoricamente), lo zeitgeist ed il sentiero degli italiani degli anni 10, appunto il Movimento 5 stelle, anche perché rimangono tutt'ora (che si vedano in modo positivo o negativo) un esperimento unico a livello mondiale che naturalmente viene e verrà studiato da molti sociologi (non a caso Grillo ha ricevuto in questi giorni la laurea honoris causa in Antropologia della "World Humanistic University" con sede a Miami e a Quito, capitale dell'Ecuador), sia perché è il primo partito con questo consenso ad essere nato in rete e contrari alla logica televisiva di consenso (soprattutto agli esordi), e per tutta la loro struttura (nessun finanziamento pubblico, nessun manifesto elettorale, consenso cercato nella loro piattaforma digitale), è un evento che ha influenzato diverse situazioni e movimenti successivi. Questo indipendentemente da come si pensa, fa capire il perchè di questo entusiasmo, di cui la Lega (partito molto tradizionale), ne è stato l'appendice, la ciliegina nella torta, non certo il protagonista. Il consenso verso l'alleanza giallo-verde era così alto e trasversale che persino la Meloni diede la sua disponibilità ad entrare ed appoggiare il governo, i vecchi alfieri della politica erano consci che qualunque cosa avesse fatto questo governo sarebbe stata vista come coraggiosa ed avrebbe aumentato voti e consensi (come è stato paradossalmente per la Lega). Sembrava tutto partito perfettamente con la Lega che accettava le richieste dei grillini di fare un governo solo se Berlusconi fosse rimasto fuori e persino la Meloni (vecchia volpe della politica che i romani conoscono bene purtroppo) fu appunto tenuta lontana, sembrava insomma troppo bello per essere vero. Nei social tutto ciò si articolò nell'unione tra persone incarnanti archetipi di destra e di sinistra, gente che fino a mesi fa si odiava ora progettava insieme la "rivincita dell'Italia" a livello europeo e magari perché no, anche lo sfaldamento dell'UE. Gente di derivazione più vicina all'estrema destra, persino di Casa Pound, che discuteva amabilmente con persone dal passato magari fortemente comunista ed appoggiava con passione il nascente governo, sembrava anche se in maniera abbastanza strana ed anomala, essersi avverato tutto ciò che avevo prospettato negli anni precedenti, ovvero la distruzione dei partiti tradizionali e la fine del bipolarismo destra e sinistra, la fine della politica come normalmente intesa. Ma tutto ciò che vedevamo pur se storico nel contesto italiano, era una sperimentazione, un ologramma. Come l'uccisione di Kennedy, tutti avevano ragione di appoggiarlo e di ucciderlo, infatti si dice che sia stata la mafia, la Cia, l'apparato militare, i banchieri, si dice di tutto e di più. La caduta del governo giallo-verde, che a differenza del governo Kennedy è stato un ologramma - esperimento, ha svariati assassini e svariate motivazioni. Da un punto di vista prettamente politico era chiaro che in un paese dove i veri poteri dietro i partiti sono di matrice globalista-liberista, essi avrebbero fatto di tutto per far crollare anche solo l'idea di un governo che veniva visto come sovranista. Il pericolo non sono mai state le azioni del governo come qualcuno con troppa ingenuità ama dire (anche perchè non vi era vera volontà, infatti finché l'Italia è imbrigliata nella Ue, diverse azioni le sono precluse), ma le idee che potevano venire fuori, il potenziale capace di distruggere una narrazione che dura da ben 30 anni senza seri ostacoli strutturali, perchè tutto sommato se andiamo a vedere le leggi promulgate dal governo giallo-verde, molte sono state anche coraggiose, ma nulla di davvero rivoluzionario (un affievolimento della legge fornero e un inversione di marcia iniziale rispetto al jobs act, un reddito per sostenere le famiglie povere ecc., non parlo della legge sull'immigrazione scritta male e promulgata peggio ed infatti é proprio quella che paradossalmente permette che Salvini possa essere giudicato per i blocchi navali a navi italiane, quanto semmai positiva è stata la discussione che portava in primo pian ong e i traffici di esseri umani che guarda caso è stata avviata da m5s e fratelli d'Italia ben prima della lega). In un sistema Italia che dal dopoguerra ha conosciuto l'operazione gladio, gli anni di piombo, una marea di tentati colpi di stato e persino un governo ombra (la p2), l'azzeramento di un'intera classe ed idea di politica quale mai avvenuto in nessun potere occidentale (tangentopoli), oltre ad una privatizzazione selvaggia ed una svendita di patrimoni nazionali inspiegabile in una nazione che era tra le 7 potenze del mondo con un welfare state ed un benessere che tutti ci invidiavano, ebbene anche solo l'idea di un cambio di marcia era naturale che sarebbe stato frenato bruscamente.
Cherchez la femme fatale. Il rito del baccanale o del famoso "re carnevale", dei saturnalia, portavano il caos e la distruzione dell'ordine, proprio per poi riaffermare un nuovo ordine magari rinnovato. Per fare tutto ciò non c'è miglior periodo dei giorni intorno a ferragosto, periodo dell'anno che è l'archetipo della vacanza e del baccanale moderno, dove in genere si chiude l'interruttore, dove persino la politica ama stare in silenzio, dove si va in mete lontane o vicine comunque di relax. «Quando inizia una crisi è un po’ tutto concesso, quasi come a carnevale» cantavano i Bluevertigo.
Il cubo nero è uno dei simboli rappresentanti Saturno, non è un caso che nel saturnalia del papeete si sia discusso tanto di Salvini circondato dalle cubiste
Come tutti sanno la crisi e la caduta del governo è stata causata dalla Lega in pieno periodo vacanziero, pochi giorni prima di ferragosto. Un pò come successe a Bush durante l'11 settembre, bisognava tenere il capo politico della Lega lontano dai fatti, nella celebrazione di un baccanale con tanto di simboli abbastanza evidenti.
"stavo scherzando"*
In questo caso preciso il re carnevale ha incarnato sia il lato sacro che quello profano, ed infatti il Carnevale come festa è famosa proprio per mischiare sacro e profano. Riguardo il profano abbiamo avuto la sua manifestazione nel caos cosmogonico del Papeete. Nei riti carnevaleschi antichi vi erano le orge che miravano simbolicamente a rigettare il passato e la creazione perchè il caos anticipa l'ordine e prima di ciò vi è il ribaltamento dei ruoli dello schiavo che diviene padrone e viceversa. Riguardo il sacro abbiamo i comizi e gli esorcismi con il rosario in mano, che non rivelano un opportunista o un pazzo fanatico come alcuni suoi nemici ideologici hanno affermato, ma un rituale di richiesta di aiuto (basti vedere anche lo stato in cui si trovava in quel periodo, lo sguardo in quei comizi) e di richiamo di potenti eggregore. Stesso Salvini ad orecchie indiscrete aveva fatto capire che non "riusciva più a trattenere i suoi" e che la crisi era questione non di sé, ma quando. Così la Lega approfittando del no alla tav dei 5 stelle "con noi al governo non ci sarà mai la Torino-Lione", si innesca una crisi in realtà già prevista da molti analisti, politici ed insider almeno da aprile-maggio del 2019 (in modo evidente almeno). Famoso è ad esempio il tweet della Mussolini di fine maggio 2019 che ha una forte valenza profetica e pone una ancor più interessante riflessione: come mai non è andata in maniera letterale a quanto riferito nel tweet? Banalmente si può affermare che semplicemente ha detto falsità, in realtà ha indovinato molte delle tattiche evidenti solamente mesi dopo, questo é il tweet (poi capirete perchè lo cito e perché in questa fase articolo il mio discorso un pò sul politico):

"Un mio amico, generalmente bene informato, mi ha detto in un orecchio che si sta avvicinando un accordo Lega PD per un voto in autunno: Zingaretti si libererebbe dei renziani, Salvini dei grillini e di altro ...".

Ricordiamoci che dopo che Salvini si è ritirato dichiarando chiusa l'esperienza con i 5 stelle, tranne qualche superficiale ripensamento diversi giorni dopo, il capo della Lega con forza e giornalmente cominciò a parlare di elezioni proprio ad ottobre, cosa su cui naturalmente era d'accordo guarda caso anche Zingaretti proprio perché in questo modo riusciva ad isolare Renzi e ad aver maggior presa sul partito (il fiorentino già stava preparando la sua uscita dal Pd). Insomma quello prospettato dal tweet e diversi insider e persino conferme semi-ufficiali che parlano di incontri a telecamere spente tra esponenti del Pd e della Lega, visto le dichiarazioni di voto ad ottobre e sulla voglia di elezioni che avevano sia Zingaretti che Salvini, rendono il tutto enormemente profetico, anche perché Salvini si è effettivamente liberato dei grillini e persino Zingaretti dei renziani (cosa persino più difficile da pronosticare), ma il tutto è avvenuto in un modo diverso ed inaspettato rispetto ai desiderata dei vertici di quel partito e di qualcun altro dietro le quinte. Tralasciando questo tweet, chiaramente voce di un insider teso a preparare soprattutto i politici e gli addetti ai lavori (quindi una strategia in essere che come tutte le strategie può funzionare o meno), fatta emergere tramite la Mussolini che è una persona che non lascia certo indifferenti e le cui dichiarazioni (specie se eclatanti) hanno seguito, molti prospettavano come le europee o seconda metà di luglio (elezioni del presidente della commissione europea) sarebbero stati i periodi in cui il governo sarebbe crollato. Il post elezioni europee perchè tutti erano sicuri (come effettivamente avvenuto) che la Lega avrebbe sbancato alle elezioni, quindi in questo modo avendo la maggioranza dei voti poteva far crollare l'alleanza, andare ad elezioni e ritornare a bottino pieno con il centrodestra, vista l'emorragia di voti che stava avendo l'M5s. Dall'altra parte la strategia del voto al presidente della commissione europea è stato usato da alcuni esponenti (anche ex grillini ed ora in quota Lega), come strategia per far fuori Conte che si presentava in Europa dando garanzie di voto di entrambi gli schieramenti giallo-verdi alla Von Der Leyen ed infatti i leghisti dapprima diedero l'ok sulla Von Der Leyen (che ricordiamolo era una terza scelta che scartava i candidati principali della Merkel e di Macron), tranne all'ultimo minuto rigettare tutto, andando persino contro ai loro alleati "sovranisti" europei (Orban e company che facevano parte dello schieramento europeo dei leghisti e che hanno votato a favore della Von der Leyen), insomma un suicidio che li ha portati ad isolarsi in Europa, tanto che ora mirano ad allearsi al PPE, casa della Von Der Leyen. Una strategia così suicida e schizofrenica (che gli ha fatto perdere anche la possibilità di avere un Commissario loro rappresentante), soprattutto pensando come ora mirano ad entrare nella coalizione del partito del candidato che hanno osteggiato, spiegabile non certo come gli ingenui vogliono far credere per una sorta di volontà di eleggere un sovranista (cosa impossibile matematicamente e smentita della loro volontà di entrare nel ppe), risulta facilmente spiegabile dopo gli eventi di metà agosto. Una strategia ammessa chiaramente e mai nascosta da diversi leghisti persino nei social (nessun complottismo o dietrologia in questo, semmai non conosciuta da tutti gli esponenti leghisti che dal giorno uno hanno appoggiato la Von der Leyen ufficialmente con sicurezza). Se fosse andata in porto questa strategia, Conte avrebbe fatto una figura di palta in Europa, oltre che si sarebbe mostrata la sua nullità nel ruolo di moderatore del governo, visto che in quel caso entrambi i partiti avrebbero complottato contro di lui. Ciò avrebbe portato alle sue dimissioni. I leghisti naturalmente non informarono i 5 stelle di questa strategia (in tal caso potevano essere giustificati). Da qui si evince come non tanto Tria ma Conte sia stato da sempre uno dei nemici principali dei leghisti (il ministero dell'economia spettava alla Lega e quindi il lasciapassare principale doveva averlo dai verdi per essere eletto e non dai grillini, Tria è stato voluto da Savona apprezzato da entrambi gli schieramenti e scelta che Mattarella preferiva allo stesso Savona). Il premier Conte, nonostante durante tutto l'anno del governo giallo-verde era stato continuamente oggetto di satira sul suo ruolo nullo, di palla rimbalzata tra Lega e M5s, in realtà era colui che più di tutti stava garantendo un'unione tra le due forze (ed un'accettazione tra i powers to be che volevano sterminarla, un lavoro tutto sommato sporco ma efficace) e paradossalmente vedendosi indesiderato, è stata la persona che poi definitivamente ha tagliato un ponte comunque già tagliato dalla Lega.
Figli di mediaset con un destino in comune**
Naturalmente poi ognuno darà diverse versioni, ovvero di come Conte sia un infiltrato del Pd, colui che cercava di applicare i desiderata dell'elite europea, ma se andiamo ai fatti, ora le "stars leghiste" e Salvini ad esempio non parlano più di Conte che ha firmato documenti segreti sul mes (che ricordiamolo è stato avallato nel 2011), anzi la discussione guarda caso è stata rimandata a giugno e le varie decisioni su miglioramenti o cambiamenti saranno discusse in parlamento, che poi guarda caso era anche nelle strategie del governo giallo-verde. Arriveremo a giugno che molti leghisti diranno "vediamo come votano i 5 stelle" e molti naturalmente non ci capiranno niente perché diranno "ma non è stato detto che l'm5s ha avallato le decisioni sul mes dell'UE"? Questo mostra come tutto il teatrino di queste ultime settimane si sia basato sul nulla e come tutto si riduca a giochetti politici che mirano a tener in vita la seconda repubblica. Se faccio queste precisazioni parlando di eventi politici abbastanza noiosi, in realtà è per farvi capire una banalità (che sarebbe stata vista come tale in tempi più illuminati), ovvero che il governo non è stato fatto cadere perchè era poco sovranista, o perchè la Lega voleva essere più antieuropeista e Tria e Conte glielo stavano negando (sic), fa abbastanza ridere la cosa, soprattutto vedendo le discussioni uscite in seguito e la contiguità ideologica della lega con Berlusconi ed il centro destra in praticamente tutto e per evitare che mi si accusi di partigianeria, aggiungiamo anche le mosse successive dell'm5s (alleanza pd). Sottolineo questa cosa perché vedo anche persone abbastanza "preparate" che lo affermano. Posso dire che avranno un brutto risveglio nel reale e per fortuna lo si sta avendo già in questi mesi (la propaganda ogni giorno che passa funziona sempre meno).
Tutto questo discorso sul tweet, sulla crisi prevista già mesi prima, su come gli scenari prevedevano il ritorno del normale bipolarismo (non per forza tramite elezioni, perchè molti, diciamo la carne di cannone dei partiti, non ci sta a scollarsi dalla poltrona e rinunciare agli stipendi), si sono svolti diversamente perché inaspettatamente e come al solito avviene in Italia da ormai 70 anni, vi è stato un intervento esterno, con Trump che col suo famoso tweet di appoggio a Giuseppe Conte, chiamato "Giuseppi" poi corretto (l'utilizzo del nome storpiato ha scatenato i paranoici) ha dichiarato pieno appoggio a Conte, riconfermato persino nella riunione della Nato di dicembre. Senza l'endorsement di Trump probabilmente avremo avuto un governo tecnico, grandi intese ed inciuci o le elezioni (comunque non certo un Conte bis che era inviso soprattutto all'ala renziana e ai leghisti), con un rivolgimento sociale probabilmente forte, visto la finanziaria, il rischio di aumento dell'iva ed un crollo improvviso di un governo tra i più amati della repubblica italiana, paradossalmente una tragedia di consenso per Salvini.
Altro profeta è stato Steve Bannon, che ha reso evidente una settimana prima della crisi, anche ai più ottimisti verso l'alleanza giallo-verde, che l'esperienza era finita. Bannon facente parte di un intellighenzia che mira ad unire i cosiddetti sovranismi di destra a livello mondiale, a differenza di quanto si dice, non ha rapporti stretti con Trump (ed infatti lo ha appoggiato solamente dopo che è divenuto l'unico candidato alla presidenza repubblicana, in precedenza era contro di lui e successivamente è stato cacciato dal governo Trump, alleandosi ad altre forze che spesso convergevano con i desiderata di una parte dell'elite americana e dello stesso Trump, c'è molto di più dietro la sua persona ed ognuno può informarsi in solitaria). Il futuro prossimo potrebbe portare un super mega inciucio tra centro destra e sinistra visto le recenti dichiarazioni di larga intesa di Salvini e l'apertura di Renzi verso il centrodestra. A questo punto oltre a Trump, il fiorentino giocando d'astuzia e sapendo il pericolo che il presidente americano rappresenta per lui (essendo un vero e proprio avversario politico), capisce che con il suo progetto di staccarsi dal Pd può ritornare al governo come protagonista, mettere le cose a suo favore e soprattutto tenere il governo per le palle, ricattandolo. Un politico che ha perso charme ed influenza tra la gente (con percentuali del 3%-4%), trova l'albero della cuccagna capace di farlo divenire l'ago della bilancia e tentare così magari di salvarsi dalle inchieste giudiziarie e quindi sorprendendo tutti e cercando di prevenire la fuga in avanti di Zingaretti, appoggia il governo. A questo punto i powers to be italiani si calmano, con Renzi al timone sanno che il governo difficilmente potrà fare qualcosa di rivoluzionario e che quando i powers to be gli daranno il via, Renzi scatenerà l'inferno facendo cadere il governo così da poter riaffermare il vecchio bipolarismo e il vecchio scontro e dialettica che così bene stava andando tra Berlusconi e centro-sinistra, interrotto semplicemente perchè a diverse forze estere Berlusconi (visto come un pirata che si fa i cazzi suoi), stava troppo antipatico (ora non più). Anche in quest'ambito però, visto le inchieste in cui è coinvolta l'associazione open, le cose stanno andando diversamente da quanto prospettato. In realtà anche l'M5s sembra, in una parte maggioritaria, a mirare a divenire un partito moderato, discreto (che è già un miracolo in Italia), una specie di DC senza indagati e mazzette (cosa che andava bene nel novecento), perdendo almeno in questa fase tutta la sua rivoluzionarietà e capacità di scolpirsi nello zeitgeist, certamente non nata facendo intese con chi insultava giorni prima, ma superando proprio la logica degli inciuci, del bipolarismo e della democrazia rappresentativa. Il problema è che l'M5s per la sua struttura aperta nella scelta dei candidati e per il suo non dichiararsi di destra e sinistra, risulta se non ai vertici, nella base ed in fase mediana facilmente infiltrabile cosa che ha portato il movimento ha subire un vero e proprio stupro. Si è trovato a governare con i suoi nemici (Lega e Pd) a causa di una legge elettorale che non fa governare in solitaria (e fatta proprio per evitargli di governare da sola essendo nel bene e nel male un corpo estraneo al sistema politico italiano), ma solo tramite coalizioni. E' dovuta entrare nell'antro della bestia e ne è rimasta scossa e disturbata, con tutto l'apparato dei media e dei powers to be che l'hanno accusata ed attaccata senza tregua ed utilizzata per rubarle voti, idee, persone e slogan. Questo vero e proprio stupro politico-ideologico subito, li ha resi una dc che appoggia fortemente il welfare state, con forte impronta di ecologismo, progressismo e statalismo che non si vedevano da decenni in Italia, ma che vengono proposti caoticamente, con scarsa lucidità e spesso con una ingenuità e un sapore retrò che stanno cacciando l'M5s dallo zeitgeist ufficiale, dall'innovazione e dalla visionarietà che almeno aveva agli esordi, dove in effetti ha anticipato ed ha creato l'ideologia che stiamo vivendo attualmente (a differenza della Lega che è un partito ciclico, di sentimenti di sicurezza dettato da stati di crisi, di tradizione-reazione e di preservamento del katekon). Naturalmente tutto questo caos sta creando degli incredibili abbagli come "centrodestra e Salvini rivoluzionario", come se in questi ultimi 25 anni il centrodestra non fosse esistito e non avesse governato. Il problema è proprio questo, con il complottismo morente come affermato in uno dei miei ultimi articoli, alcuni spin doctors hanno preso la palla al balzo per trasformare reazionari e gente da sempre evitata dall'informazione alternativa italiana negli ultimi 25 anni, per farne gente accettabile, invadendo molti campi dello stesso complottismo che si trova a discutere come in un consiglio di partito (e questo vale anche per diverse controparti, ovvero i grillini, che ad un'analisi obiettiva preferiscono il tifo verso l'M5s senza se e senza ma), una delle infiltrazioni più nascoste e bastarde che ho mai visto degli ultimi decenni. Questo è dovuto sia ad alcune configurazioni astrologiche e di zeitgeist che hanno portato gli anni 10 ad essere uno dei decenni meno spirituali ed oscuri (nell'atmosfera) che mai si ricordi. Persino il decennio zero pur nell'ottica post-11 settembre viveva ancora con categorie tradizionali di ansia apocalittica (2012), residui new age, aumento dell'interesse di tematiche esoteriche mischiate all'attualità (complottismo), sincromisticismo e grande spirito pionieristico nelle materie alternative per la prima volta esposte a milioni di persone, lo stesso 11 settembre sembra l'ultimo evento "storico e tv" di impatto nello zeitgeist, con toni epici che non hanno le riproposizioni grottesche e "cattive senza scopo" dei tantissimi attentati seguenti. Gli anni '10 si configurano come un decennio nichilista, dove anche la critica al sistema diviene puro economicismo che trasforma la critica radicale al sistema in un semplice "dobbiamo uscire dall'euro per risolvere tutti i problemi" o meglio centralità di economia e finanza in ogni campo della critica culturale e non. Un decennio così problematico, ma da un certo punto di vista anche uno dei più cinici e pratici. Molti sembrano essersi arresi e dire "bisogna venire strategicamente a patti con il sistema per farlo crollare" ed è il motivo per cui alcuni grillini si tappano il naso per l'alleanza con il pd o perchè alcuni leghisti (che imbarcano criminali soprattutto alle regionali e cambiano idea ogni giorno sull'UE, dando persino l'endorsement a Draghi), avendo paura della caduta del katekon e di diverse derive transumaniste (diciamo più alcuni votanti svegli piuttosto che i dirigenti del partito più simili a portaborse) , fanno orecchi da mercante appoggiando i peggiori reazionari sulla piazza, gente che nell'informazione alternativa o in qualche circolo di discussione politica al di fuori di logiche bipolariste, non sarebbe stata presa minimamente in considerazioni fino ad anni fa. Non è un discorso di puzza sotto al naso, ma proprio di appoggio di criminali, reazionari e di vere e proprie caste morenti, il cui proprio status decadente li rende agli occhi di alcuni, come l'unica barriera al caos che vi è fuori, vedendo una sinistra non esistente e in molti casi transumanista che ha superato persino lo status di parodia, divenendo semplicemente pericolosa. Questo non giustifica il rigettare una merda puzzolente, per una merda "meno" puzzolente. Poi la propaganda è tanta, anche perché se a conti fatti come detto prima neanche il governo giallo-verde come detto, ha fatto leggi rivoluzionarie, paradossalmente il governo attuale fa più deficit, rimpatria molti più migranti, ha avallato una legge giudiziaria rivoluzionaria come quella dell'annullamento della prescrizione al primo grado che con un partito (la Lega) alleato di Berlusconi difficilmente avrebbe potuto fare (e che ha trovato gli stessi ostacoli nel PD che per la sua storia è stata costretta a venirne a patti) e che potrebbe dare futura giustizia soprattutto a molti morti sul lavoro e vittime dei potenti di turno che evitano sempre il carcere grazie a potere e soprattutto prescrizione, evitando quel ricambio e pulizia dirigenziale che servirebbe al nostro paese. Nonostante la propaganda avversa, questo nuova alleanza giallo-rossa ha tagliato diverse tasse macigno, ma è chiaro che proprio questo governo fragilissimo che sta antipatico un pò a tutti, dai grillini a casa pound, non è la soluzione (anche per diversi soggetti presenti che vogliono tutt'altro che il bene per l'Italia), come neanche una nuova alleanza giallo-verde, se non vi è una pulizia totale del sistema Italia. Paradossalmente alcune buone leggi possono essere avallate più facilmente con un governo meno esuberante e chiacchierato, che si mantiene basso nei toni, piuttosto che con un'alleanza nell'occhio del ciclone. Io alcune considerazioni me le tengo per me, so solamente che come era inviso a diversi poteri forti il precedente governo, lo è anche questo e lo si può capire da tante cose (e dai personaggi che lo accusano compreso la prima tessera del pd De Benedetti), ognuno faccia le sue ricerche fuori dai pregiudizi ed idee grilline, leghiste o piddine, tenete in conto anche la cronologia e che il governo Conte II non era previsto, semmai è prevista la distruzione o l'inglobamento totale dei grillini nel sistema Italia, unico vero pericolo verso il bipolarismo e la restaurazione e ci stanno riuscendo a conti fatti. Nessuna alleanza di governo è o è stata rivoluzionaria. Il governo giallo-verde nei fatti pratici non ha fatto meglio dell'attuale governo. Solamente come detto, risultava molto più pericoloso per tutta la speranza e rinnovamento ideologico che incarnava ed il cambio di zeitgeist che generava, oltre alla distruzione che stava generando nei caporioni del centrodestra e l'isolamento del centrosinistra. Il resto è stata solamente propaganda elettorale, compresi i mini-bot appoggiati da entrambi gli schieramenti, poi rimasti teoria anche dopo la dichiarazione di Giorgetti che ha calmato gli animi di alcune star leghiste. Guarda caso in questo periodo alcuni deputati del nuovo governo propongono una soluzione persino più radicale dei minibot, i cct (moneta parallela) che a differenza dei minibot sono stati formulati con una proposta scritta e non solo pubblicizzata. Se fosse stata fatta ai tempi del governo giallo-verde sarebbe successo tutto il casino e la propaganda negativa che ci fu durante i minibot, mentre invece ne avete sentito parlare nonostante siano più rivoluzionari e concreti nella loro proposta? Ecco questo deve suscitare in noi sospetti ed una domanda ovvero come mai? Ci sono a mio parere due motivi principali ed entrambi questi motivi sono paradossalmente appoggiati da fazioni avverse, una potremo dire positiva ed una negativa (nei rispetti della nostra nazione). A me pare così evidente che è strano che se ne parli poco nell'informazione alternativa, ma come detto oramai il cosiddetto complottismo, specie quello italiano è un campo sterile dominato dai soliti nichilisti del "tutto e merda" a cui si aggiunge la new entry di quelli che ho chiamato in precedenza "consigli dei partiti", spin doctor volontari o involontari che dirottano la critica al sistema in base al credo politico, al culto della persona, insomma reazionari o semplici tifosi, non più gente libera.
Da una parte molti scommettono che il governo avrà vita breve quindi ogni proposta e legge positiva, compresa quella sulla prescrizione, quota 100 o le concessioni autostradali, potrà essere cambiata ed annullata (oltretutto è pieno di globalisti e renziani quindi è un pò come cercare di fare una gara di corsa con problemi di batteria alla macchina), dall'altra parte qualcuno potrebbe usare questo governo per portare avanti cambiamenti inammissibili con un governo troppo popolare o amato, preda degli sciacalli e degli invidiosi, quindi una specie di tappa di transizione che prima di disintegrarsi userà degli anticorpi e delle mine che bloccheranno i gattopardi che sognano il ritorno al bipolarismo e alla seconda repubblica. C'è da dire, lasciando un'ottica positiva nel mio discorso, che anche se con molta lentezza, l'ethos italiano e i suoi tantissimi sotto-ethos, si stanno ripulendo di diverse scorie ed avremo diverse sorprese future ed una nuova tangentopoli già iniziata, questa volta però positiva, ovvero non ci porterà un nuovo Berlusconi, dei nuovi leghisti (quelli vecchia scuola secessionisti) o un nuovo Prodi e Renzi con la loro distruzione della sinistra. Il m5s se proseguirà nella sua deriva democristiana che porta risultati solidi ma non rivoluzionari, crollerà creando un'alternativa migliore e di nuovo non televisiva (perchè la rivoluzione non é e non sarà televisiva), evitando quello sconforto che il suo entrare nel governo (con Lega e con il Pd) ha portato in molti dei circuiti alternativi (l'M5s prima e la Lega successivamente hanno dato una gran mano nella morte del complottismo italiano già morente, diciamo gli hanno dato una spinta, quella finale). Quindi come vedete, il mio articolo è al solito non negativo, perchè come detto da vari anni, viviamo nell'era della notte dell'anima, dove tutto il male, le distorsioni e i problemi si manifestano al massimo splendore (ed orrore). Questo è il tempo degli spazzini, non ancora della creazione di un nuovo mondo (per ora si buttano solamente semi). Questo è il tempo della centrifuga, dello scarico che viene tirato, della merda che emerge per essere spazzata via. L'organismo ripartirà solo dopo che le scorie saranno eliminate, solo dopo la pulizia generale si comincerà a parlare di futuro, quindi nessuno sconforto, è come quando un bambino conosce per la prima volta il fuoco ma non la sua pericolosità. Ora il bambino si è bruciato ed ancora è dolorante, ora sa il pericolo che corre.

* fonte foto: https://www.ladomenicasettimanale.it/2019/08/04/e-qui-la-festa-matteo-salvini-scatenato-al-papeete-beach-cocktail-balli-con-le-cubiste-e-linguacce-sulle-note-dellinno-di-mameli/
** fonte foto:https://static.nexilia.it/nextquotidiano/2015/06/salvini-renzi-ue-1.jpg

mercoledì 16 ottobre 2019

A' LA GUERRE COMME A' LA GUERRE: Qanon, sovranisti, globalisti ed il confluire dei cicli

                                                                              Picard: «Capisco quello che hai voluto fare Q. Ma la lezione avrebbe potuto essere appresa senza la perdita di 18 membri dell’equipaggio».
Q: «Se non riesci a sopportare un po’ di sangue dal naso tornatene a casa e nasconditi sotto il letto. È pericoloso là fuori. Ci sono meraviglie, un’infinità di tesori che possono saziare desideri grossolani e raffinati. Ma di sicuro non è per i timorosi».


Picard: «Forse Q ha fatto una cosa giusta per un motivo sbagliato. Quello di cui avevamo più bisogno era un calcio al nostro compiacimento, per prepararci a quello che ci aspetta».


                                                                           Star trek the next generation
                                                                           episodio: "chi é Q"






Ho sempre amato la narrativa, ad immagini oppure scritta, credo che sia uno degli atti umani che più si avvicina al concetto di creazione o meglio di Divino, al concetto di vita più puro ed intoccabile, ovvero il vedere l'esistenza come un viaggio, un'esperienza in cui ciò che conta è la strada che si percorre e non tanto l'inizio e la fine su cui c'è in genere sempre delusione o incongruenza, anche per questo le narrazioni cicliche sono le migliori, oltre ad avvicinarsi maggiormente all'esperienza umana, che si parli di problemi economici o di draghi e valli incantate cambia poco.
Esiste la narrativa umana che materializza il pensiero, l'intimo, il nascosto, gli archetipi ed esiste la narrativa in cui gli umani sono coinvolti o forse intrappolati, il romanzo umano in cui l'uomo si trova immerso non come lettore, ma come protagonista, dimenticandosi del romanzo di cui fa parte. La paura di non essere un lettore o uno scrittore (entrambi hanno il potere di mettere e dare un proprio significato alla narrazione) è la paura del tempo, quella trappola che non ci fa comprendere lo scopo del viaggio, che non ci fa riuscire a capire cosa potrà succedere nei capitoli successivi, che non ci da un'idea dello scopo generale del romanzo. Nel nostro più profondo intimo sappiamo il titolo e la fine del romanzo, ma lo spazio tempo ha portato oblio e dimenticanza.
Se parlo di narrativa è proprio perché gli eventi di questi ultimi decenni hanno portato a molti la consapevolezza di come noi tutti viviamo in un romanzo, dove esistono le battaglie tra Dei, tra bene e male e dove nonostante tutto, le sfumature sono così tante che è anche impossibile avere una visione chiara e cristallina della nostra realtà.
Si è parlato in questo e in altri lidi di come da diverso tempo siamo entrati in una dimensione atemporale, in cui le normali categorie con cui riuscivamo ad orientarci nella vita, non sono più stabili come una volta, in cui tutto viene messo in discussione, in cui tutto è liquido, tutto è possibile. Facendo un ragionamento esoterico, i periodi atemporali sono quei punti nello spazio tempo dove vi è la possibilità di accellerare la liberazione, è come avere una ferrari tramite la quale poter accorciare il cammino verso la meta, è il famoso periodo dove è possibile liberarsi dalle catene del karma, fare il salto quantico, riuscire ad avere una visione universale e senza barriere, della realtà che ci circonda. 
Il periodo atemporale é un vero e proprio tornado che tutto spazza via, non è un semplice cambio di zeitgeist, ma un vero e proprio cambio di realtà e di paradigma.
Questi buchi, squarci nello spazio tempo, si verificano in genere alla fine di più cicli, quando tutto è più liquido e nulla è sedimentato. Però il periodo atemporale è qualcosa di raro nella storia umana, mentre molto più frequenti sono i periodi cosiddetti di ricarica del loop temporale. Nella storia ad esempio la caduta di un impero si è molto spesso associata alla fine di un ciclo ed infatti la fine dell'era dell'Ariete e l'inizio dell'era dei Pesci ha portato ad esempio il declino ed il successivo crollo dell'impero romano, l'ascesa dello gnosticismo e successivamente del cristianesimo che ha preparato al dominio del monoteismo, un periodo in cui chi aveva sete di conoscenza esoterica e spirituale avrebbe avuto enormi vantaggi. In quel caso stiamo però parlando di una normale fine di un'era che per quanti sconvolgimenti può portare, è un processo che si ripete, non certamente spesso, ma in modo tale da essere quantificata e segnalata nella storia umana, persino in quella (breve) che studiamo nei libri di storia, formata a sua volta da tantissimi mini cicli e cambi di mentalità e zeitgeist.

In questi casi quindi è illuminante chiamare questi periodi come "ricarica del loop", squarci storici estremamente interessanti ed affascinanti in cui l'esempio del carillon è perfetto.
La fase di "ricarica del loop" è quel periodo storico in cui un certo sentire, uno zeitgeist, una religione, un'ideologia, un archetipo, ha dato tutto quello che doveva dare, tale da bloccarsi in meccanismi di immobilità o distruzione. Ogni cantante sa che una nota non può essere tenuta per sempre, neanche il cantante più dotato al mondo potrà tenerla lungamente senza alla fine stonare o perdere il respiro, anche perchè a lungo andare anche se ci fosse un meccanismo per tenere attiva quella nota, con il passare del tempo ci sembrerebbe semplice rumore. E' il cambiamento quello che noi attendiamo, le note successive o le loro progressioni sono ciò che fanno la musica e che creano la grande sinfonia umana, per questo prima o poi il loop storico- temporale è costretto a cambiare nota/musica, perché la stessa nota dopo un pò non risulta più appetibile, diventa fastidiosa ed è proprio in quei periodi di ricarica che si creano finestre di libertà, quando non c'è nessuna nota su cui danzare, dove si può influenzare la successiva nota e divenire creatori. Un periodo del genere lo abbiamo avuto subito dopo la seconda guerra mondiale, se non a livello personale almeno a livello collettivo.
Questi però come detto sono ricariche del loop, noi invece ci troviamo in uno spazio atemporale dove diversi cicli convergono verso la loro fine, periodo di allineamento al centro galattico, periodo dove il bene può diventare male e viceversa, dove tutte le categorie sono sconvolte, persino quelle prestabilite ed archetipali come maschio e femmina. E' un periodo androgino di unione, di miscelamento, il periodo dei fantasmi, dei miracoli che si realizzano, della mancanza di un centro di gravità permanente, non per forza visto in senso negativo, perchè la gravità ci tiene con i piedi per terra ma ci tarpa anche le ali.
In questo particolare periodo come è naturale che sia escono fuori parecchi "araldi e profeti" della nuova era, prospettando il ritorno del paradiso in terra, della giustizia, del ribaltamento totale della nostra realtà, la famosa storia del "principe e del povero", il ribaltamento dei ruoli, l'unione tra macro e micro, l'unione degli opposti o semplicemente l'accusa verso il sistema.
E' una fase del tempo spazio affascinante ma anche tremendamente stressante, perché è un periodo pieno di stimoli dove paradossalmente la creatività va a farsi benedire, proprio per l'accumulazione di eventi che porta al paradosso, alla notte oscura dell'anima nella maggioranza di noi.
Negli anni passati avevo ben spiegato come alcuni personaggi famosi in alcuni ambienti del web come David Wilcock ad esempio e la stessa storia sul 2012, vere o false che siano, hanno avuto come scopo principale, volontario o meno questo poco importa, quello di cambiare lo zeitgeist, la consapevolezza delle persone. Fateci caso che tutte le grandi religioni e tutte le grandi conquiste dell'uomo non sono mai e dico mai nate per processi razionali, per quanto il nostro mondo laicista e materialista si illuda. Una nuova visione della vita, un cambio politico, culturale, scientifico ed economico non nasce mai e poi mai all'interno di un laboratorio o per via di una ricerca empirica, semmai una visione politica, economica e scientifica hanno bisogno nel mondo attuale di un costrutto logico e razionale per essere poi implementate nella nostra realtà. Ho scritto in passato di come la nascita e fondazione della scienza abbia avuto origine non certo da un laboratorio, dalla ricerca empirica o dalla mela caduta in testa a Newton, queste sono storielle fatte proprio per lo zeitgeist attuale scientifico-materialista, l'unico che avendo soppiantato quello religioso, può essere compreso appieno dalla stragrande maggioranza della popolazione occidentale. Dietro la nascita della scienza come mostrato in questo articolo passato, vi era un processo storico ben preciso, ciclico e tutt'altro che lineare. Gli uomini del passato qualunque cosa vi dicono, non erano certo ignoranti e superstiziosi quanto la civiltà odierna vorrebbe farci credere, erano semplicemente persone che vivevano in una realtà diversa, con diverse forze, diverse energie in campo e diversi bisogni intellettuali-spirituali.
Il fenomeno Q si può affermare a questo punto, visto l'importanza che sta assumendo, che sia il prodotto compiuto, la magnus opus alchimista, la materia grezza virtuale che diventa oro, in un processo che ha visto in precedenza altri testimoni con un successo effimero e non profondo o relegato ad un gruppo specifico di persone e soprattutto senza l'autorità ed il potere di Q. Sto parlando dei vari John Titor, David Wilcock, David Icke, il fenomeno 2012, lo stesso complottismo ecc., che sembrano tutti fenomeni introduttivi utili a preparare il campo prima di dare una struttura di potere definitiva a tutto questo, quella botta enorme tale da cambiare la realtà in maniera pratica e veloce.
immagine presa dal sito www.vox.com

Perché si può dire tutto il male del mondo di Q, ma a questo punto, nel 2019, nessuno sano di mente lo prenderebbe sottogamba o si renderebbe ridicolo come i tizi del wu-ming che addirittura si addossano la paternità dell'opera, perché è oramai chiaro come dietro a questo fenomeno non c'é il solito esaltato nerd, una persona isolata, un semplice troll, gatekeeper, un semplice fenomeno teso a crearsi una cerchia di aficionados, non è un semplice John Titor, whistleblower, non è neanche un simil-guru new age e non è neanche una rete disclosure come poteva essere wikileaks ma è tutto insieme e soprattutto è opera di intelligence, di parti del potere americano e non. Non è più un laboratorio ma una vera e propria arma, questo, indipendentemente che possiate pensare che questo fenomeno abbia scopi positivi o negativi, non può essere assolutamente negato.
Potete pensare che Q dica verità mischiate a fandonie (come effettivamente fa, lo ammette lui stesso), ma non è più un fenomeno circoscritto al web, non può più essere trattato come un fenomeno del genere, sta influenzando la politica e l'agire di milioni di persone in tutto il mondo e non solo in America (dove al giochetto stanno anche eminenti politici repubblicani compreso naturalmente Trump, basti pensare che in ogni suo comizio c'è oramai una fila enorme di sostenitori di Q, oltre che lo stesso Trump retwitta messaggi di chiara derivazione qanonesca), vediamo infatti richiami e il simbolo di Q tra i gilet gialli, tra chi è a favore della brexit nelle proteste dei precedenti mesi e diventa nelle discussioni politiche spesso un indicatore di quale politico sia affidabile o meno.

Dietro Q c'è un apparato di potere e non semplici propagandisti come per altri fenomeni del web. Q è una specie di wikileaks con in più una struttura di potere.
Visto che questo articolo non parlerà specificatamente di Q, non entrerò nei dettagli di ciò che rende questo fenomeno credibile, lo hanno fatto diverse persone meglio di me. Informatevi sia da persone critiche contro il fenomeno che sinceri entusiasti, l'importante è non sottovalutarlo. Se ripeto diverse volte di non sottovalutare Q è anche perché altrimenti molte delle cose che stanno capitando e continueranno ad accadere nel vicino futuro non saranno comprese.
A questo punto rilevato l'importanza storica di questo fenomeno vorrei anche passare al lato simbolico del fenomeno, così che molti possano capire anche perché molto probabilmente si sia scelta quella lettera come identificativo. Rimaniamo nelle ipotesi (sul lato pratico), che nel contesto simbolico però diventano una certezza.
C'è da dire che davanti alla scelta di un identificativo così strano, semplice e diretto, c'è anche un'enorme confusione, tanto che specie nei primi tempi molte sono state le battute che in tempi di remake, di riproposizioni, di revival e di citazionismo erano abbastanza prevedibili e in linea con l'ironia cinica dei primi decenni del terzo millennio.
Nella pop culture Q infatti fa riferimento a due personaggi di due importanti saghe cinematografiche e televisive, ovvero star trek e James Bond, ed entrambi questi personaggi hanno fortissimi legami tra di loro.
Per quanto riguarda la serie dei film sull'agente 007, Q è un nome in codice per un agente del servizio segreto inglese (l'MI6), che si occupa tra l'altro di fornire armi e gadget proprio agli agenti con la doppia zero, che sono quelli che hanno la "licenza di uccidere". In questo caso salta fuori fortemente l'assonanza con il fenomeno Q, da molti indicato come un fenomeno creato da una particolare intelligence visto le informazioni riservate ed anticipatorie sui fatti politici che riserva a milioni di utenti.
Molto più significativo dal lato simbolico è la sua assonanza con il personaggio Q di star trek, uno dei più anomali, se non il più anomalo personaggio della saga. Q infatti è una razza di esseri potenti e si potrebbe dire onniscienti, tali da sembrare a noi umani delle divinità, riescono infatti a deviare pianeti ed asteroidi dalle loro orbite, possono materializzarsi in un batter d'occhio anche a milioni di anni luce di distanza, infatti per loro la distanza non esiste, praticamente i poteri che hanno li fanno sembrare dei geni della lampada, possono fare davvero tutto quanto, possono distruggere una razza aliena con uno schioccare di dita (letteralmente visto che tutti i membri della razza Q usano spesso questo gesto prima di un'azione che a noi umani appare come magica) o anche un pianeta e questo senza l'utilizzo della tecnologia, ma semplicemente dei loro poteri.
Ora un personaggio come Q o come i Q, associabili più facilmente ad un genio della lampada o ad un potente mago più che ad una razza aliena, sono una scelta apparentemente coraggiosa in una saga come star trek che è stata sempre l'opposto di star wars, quindi poche concessioni al fantasy, forte contesto empirico-razionale, fantascienza alla Asimov, eppure in articoli passati ho mostrato anche una certa deriva stravagante e misterica di questa serie, quando parlammo del progetto blue-beam, ma anche in quel contesto, Dio diviene un'astronave aliena e le profezie dei trucchetti tecnologici, quindi anche in quel caso si tendeva a razionalizzare il mistero e l'ignoto, quindi come mai la scelta di creare un personaggio così fuori dalle righe? C'è da dire che il prototipo di Q è presente anche in qualche episodio della serie classica con Spok e il capitano Kirk e che dietro Star Trek comunque vi sono persone che conoscevano il mondo ufologico del loro tempo, lo gnosticismo e la tradizione esoterica occidentale, di questo ne ha parlato in diversi articoli il blog secret sun.
Ciò che interessa a noi in questo contesto è l'assonanza simbolica con il fenomeno Q su internet e fuori da esso. Qual è il ruolo di Q in star trek?
La citazione di apertura all'articolo vi da sicuramente un importante indizio:
il personaggio di Q appare nella seconda incarnazione di Star Trek dopo quella classica con Kirk e Spok, ovvero Star Trek - the next generation (accennai a questa serie qualche anno fa proprio quando parlai di blue beam e microchip, trovate tutto qui). 
Il personaggio "Q" ed il capitano Jean Luc Picard

Nata alla fine degli anni 80 (precisamente trasmessa a partire dal 1987) e conclusasi intorno al 1993-1994, quindi ha accompagnato praticamente un periodo di forte ottimismo, di fine di un mini loop temporale, ma anche di forte disillusione, praticamente è stata trasmessa tra la fine della guerra fredda, la caduta del muro di Berlino, la nascita del web e della globalizzazione neoliberista, oltre alla prima guerra multinazionale post-moderna e del nuovo ordine mondiale (la guerra del golfo). E' un periodo come abbiamo ricordato molte volte, quasi prometeico negli ideali, dove tutti pensavano che la storia era conclusa (Francis Fukuyama), nel senso che gli scontri ideologici non avevano più senso di esistere, l'occidente ed il liberismo erano i campioni assoluti e nessuno poteva contrastare questo modello. Si prospettava sempre più il villaggio globale e la tecnologia che tutti oggi abbiamo nelle nostre case cominciava a passare dai laboratori scientifici e dalle basi militari, alle case di tutti noi. In questo contesto non sorprende che pur se molto amata, Star Trek the next generation sia vista anche come la serie più diplomatica, tranquilla e con meno conflitti ed in un certo senso più politically correct del franchising, anche perché si perdeva quel sense of wonder e di ignoto della serie classica e la galassia sembrava il cortile dietro casa dove tutti oramai si conoscevano (villaggio globale). Anche per questo motivo il personaggio di Q è un'idea assolutamente geniale e profetica, non tanto per il fenomeno Q di questi ultimi due anni, ma per qualcosa di più profondo.
In effetti gli autori di star trek the next generation, prima dei loro fans, si erano resi conto che questi umani del 23° secolo erano troppo perfettini e superbi, pensando di aver oramai conquistato l'universo e scoperto tutti i suoi segreti. Come il capitano Picard dirà a Q, lui è consapevole che ci saranno nuove sfide molto più difficili e nuove razze aliene, ma Picard afferma con forte sicumera che "noi siamo pronti a tutto", possiamo affrontare qualsiasi cosa, quindi il messaggio é "caro Q sei un essere insolente, noi abbiamo una tecnologia da far invidia a tutti ed abbiamo raggiunto la pace e appacificato persino i Klingon che nella serie classica guarda caso simboleggiavano i sovietici, quindi togliti dalle palle". Proprio durante questa sicurezza che si avvertiva nella serie e nel mondo di fine anni 80-inizio anni 90, dove il tramonto della guerra fredda sembrava aver dato fine a tutti i conflitti più pericolosi per la sopravvivenza umana, esce l'episodio "chi é Q" e tutto viene improvvisamente ribaltato.  
Guardandolo oggi risulta un episodio abbastanza profetico. In sintesi Q come al solito viene ad infastidire l'equipaggio dell'enterprise, un pò perchè é egocentrico ed un pò perchè ha compreso che la razza umana rispetto alle altre pulci (nella sua visione) che abitano nella galassia ha un qualcosa di speciale che li porta sempre a cercare di migliorarsi, una capacità che lo stesso capitano Picard riesce a svelare, facendo incazzare Q, ovvero che un giorno la razza umana diventerà come lui.

A questo punto Picard che francamente rimane stremato dai punzecchiamenti di Q che crea solo caos e paura tra l'equipaggio, si trasforma in Francis Fukuyama dichiarando che la "storia è finita", abbiamo raggiunto l'Eden. Q a questo punto distrugge l'ego e la sicurezza dell'equipaggio mostrandogli un nemico potente ed attualmente impossibile da sconfiggere per gli umani, ovvero i transumanisti Borg, l'unione perfetta tra uomo e macchina, l'annullamento dell'individualità. I Borg sono "ex" persone appartenenti a diverse razze aliene a cui è stata annullata l'individualità, sono stati risucchiati nella collettività, ed ora obbediscono solamente a quella che nei futuri seguiti e film di star trek, si svelerà come "Regina dei Borg". Ogni persona facente parte dei Borg non ha un nome e si presenta con un anonimo e spersonalizzante "noi siamo i borg". Il loro corpo è circondato da cavi (quelli tipici del cyberpunk), prese ed altri aggeggi, mentre uno dei due occhi viene sostituito da quello bionico. La loro frase di presentazione é "«Noi siamo i Borg. Voi verrete assimilati. La resistenza è inutile.» 
Risulta naturale come questa razza voglia anche simboleggiare la visione che gli americani hanno dei regimi comunisti e socialisti, ma se si fosse fermato solamente a questo simbolismo, questa razza non avrebbe creato così entusiamo ed imitazioni nei successivi film di fantascienza. Qui siamo davanti ad una rappresentazione archetipale della distruzione della personalità, dell'anima, dello spirito, di simboli che sarebbero diventati più evidenti ai giorni nostri.
Picard sta per soccombere ai Borg, non può assolutamente nulla contro di loro, non era preparato e quindi ammette il suo errore davanti a Q e gli chiede di allontanare l'astronave enterprise dal territorio dei Borg. Q esulta e salva l'enterprise e a questo punto si inserisce la citazione che ho riportato ad inizio articolo.
Q e gli autori di star trek hanno anticipato e mostrato a fine anni 80 il pericolo che il tardo post-moderno avrebbe affrontato, tematiche che in quei tempi potevano affascinare, ma certamente non essere comprese fino in fondo. La paura del transumanesimo infatti si mostrerà in maniera grossolana ma certamente più vicina alla realtà negli anni 90 e nei primi anni 2000, con le paranoie sui microchip esposte non solamente dal nascente complottismo moderno, ma anche da diversi escatologismi e diverse sette cristiane che vedevano nel chip il marchio della bestia, che avrà molte varianti infatti oltre al chip, molti, più tradizionalisti, parleranno del marchio della bestia come del codice a barre, di internet,  persino di Bill Gates o di qualche "dittatore" e governante mediorientale.
In questa fase (anni 90), il complottismo pesca a piene mani dal cristianesimo che nella sua ansia millenaristica ed escatologica è sempre stato uno dei pilastri fondanti proprio del complottismo.
Come discusso in uno dei miei ultimi articoli riguardo "la morte del complottismo", nessuno poteva pensare che questa visione così estrema e da un certo punto di vista nichilista della realtà, sarebbe entrata nelle istituzioni, nel potere, nella cultura popolare e non più solamente in qualche sottocultura o nel sottobosco internettiano. Da occupy Wall street, fino a Wikileaks, dal movimento 5 stelle, fino ai gilet gialli, dai sovranisti, fino all'elezione di Trump, tutto questo fermento collettivo ha trovato una strada iniziale imperfetta ma pur sempre specchio di quelle istanze underground.

Chi non ha capito questi fenomeni, dopo un'esaltazione iniziale è ritornato nel complottismo classico, quello relegato al periodo pre-2012, rimanendo spiazzato dai cambiamenti geopolitici, culturali ed economici, francamente non comprendendo più nulla di quello che lo circondava.
Da questo punto di vista se il complottismo ha portato tra l'altro nella coscienza collettiva una conoscenza delle strategie del potere a livello occulto, il fenomeno Q che è un prodotto del complottismo, porta all'attuarsi delle strategie che le elite hanno usato da millenni e le portano tra la gente comune e questa volta si ritorcono contro i loro creatori.
Mi è capitato su facebook e twitter di leggere persone che per favorire un certo sentire, gettavano merda su un personaggio politico che magari loro apprezzavano, per scatenare una certa reazione e riflessione su alcuni problemi e non sto parlando di debunker; anche dall'altro lato della barricata, i "facciamo rete" che spopolano sui social e di derivazione diciamo più vicina al pd e all'attuale sinistra arcobaleno, tralasciando alcune utenze che sono dei semplici bot, sono persone normali che usano strategie propagandistiche fino a decenni fa tenute segrete in illustrissimi centri elitari. La stessa strategia della lega contro i suoi avversari, con un costo di centinaia di migliaia di euri, che fa capo a Morisi con il suo team soprannominato "la bestia", vede migliaia di consapevoli seguaci che tramite i social network fanno opera di propaganda contro questo e quell'avversario, cosa che naturalmente fanno anche i grillini da diversi anni. 
Non più teorie e dietrologie, ma vere tattiche e strategie propagandistiche i cui propagatori consapevoli non stanno più solamente ai vertici, un vero e proprio esercito che a colpi di bit e non solo, sta cambiando le ideologie e la cultura umana.

Non si parla più di un sito o di un blog che pubblica articoli, con i vari commentatori che sputano rabbia nel dichiarare quanto loro sono puri ed il resto del mondo merda, di come tutti siamo vittime e gli altri mostri, ma vere tattiche di potere e di influenza. Molte persone dell'informazione alternativa sono passate dai blog al parlamento, da una platea di quattro gatti a centinaia di migliaia, se non milioni di telespettatori. Naturalmente, gli esponenti più in vista di quello che un tempo era il tradizionale complottismo internettiano, hanno un approccio abbastanza mainstream (come è naturale che sia vi è sempre una versione esoterica per pochi ed una essoterica che può essere compresa dalla società e dalle masse senza creare cambiamenti traumatici e repentini).
La nuova realtà che sta emergendo sta portando una forte guerra persino in quel mondo un tempo compatto, lineare e tranquillizzante che era il complottismo, dove tutti erano d'accordo che si doveva combattere il "nuovo ordine mondiale", anche perchè i vecchi complottisti non venivano mai citati in tv se non per derisione, non avevano "presunte" rappresentanze parlamentari, i loro documentari non venivano trasmessi nelle reti tv, se non ad orari impossibili, la stragrande maggioranza degli argomenti che trattavano erano taboo (cosa ora completamente ribaltata).
Nell'informazione alternativa abbiamo i sovranisti, i vecchi complottisti del "tutto è merda", quelli più new age, quelli più vicini alla destra, al cristianesimo o quelli più vicini a sinistra. Se diciamo fino a 7-8 anni fa queste enormi differenze di visioni pur nei tantissimi scontri anche feroci riuscivano a trovare tra di loro una forte comunanza (utile poi al nascere dei movimenti post-ideologici), anche perchè si era davvero in quattro gatti derisi ed attaccati da tutti, una volta che le luci della ribalta sono emerse e il complottismo è entrato nel palcoscenico mondiale come uno dei protagonisti che riesce a spostare milioni di voti e persone da un'ideologia ad un'altra, a quel punto tutte quelle divisioni tenute a bada sono emerse, in ciò incoraggiate anche dalla sempre maggiore influenza dei social network che per la loro impostazione hanno traslato ed accentuato gli scontri che una volta erano in piazza.
In un articolo del 2017 scrissi che lo scontro di questi ultimi anni '10 sarebbe stato tra "sovranisti e globalisti", lotta che si sarebbe risolta solamente nei primi anni del prossimo decennio. Scrissi anche di come questi due movimenti siano la faccia della stessa medaglia e che certamente in questa tornata storica i cosiddetti "sovranisti" avrebbero portato le maggiori novità positive e soprattutto preparato in maniera meno traumatica il nuovo mondo, anzi salutavo con ottimismo questa avanzata dei sovranisti, proprio per quel principio vitale nell'universo ben rappresentato dal Tao, ovvero che non può esistere un solo principio al mondo, ogni cosa nel manifestato è duale e solamente nell'equilibrio tra questi opposti si può creare l'armonia. 
immagine presa da libertyworks.com

Il globalismo é diventato così pericoloso, arrembante e luciferico, da sterminare qualunque avversario portando ad una povertà non solo economica, ma soprattutto spirituale.
Il sovranismo da questo punto di vista pur non essendo la soluzione, diviene non qualcosa di innovativo, ma certamente un argine a certe derive transumaniste e di sciacallaggio e sfruttamento economico. Appunto il sovranismo mainstream è economicismo come il globalismo e in molti significa semplicemente far si che quello che fa l'UE, ovvero politiche neoliberiste e di sfruttamento, possa essere fatto a livello nazionale, con noi che decidiamo il bello e il cattivo tempo su come e quanta moneta stampare; ma se un albero presente nel tuo orto è malato alla radice, come quello più grande che sta al di là del tuo orto, a che serve farci crescere frutti? Diciamo che inizialmente è meglio prendere frutti dal tuo albero pur se malati, perchè fai meno strada, quindi consumi meno energie e non c'è il rischio che qualcuno magari richieda soldi per il frutto che hai preso dagli alberi al di fuori del tuo recinto. Una soluzione temporanea, un semi-equilibrio per portare a qualcosa di migliore e diverso.
Andando più nel profondo, i sovranisti ed i globalisti sono l'Opera al nero finale, l'estremismo di due archetipi che si sono dati battaglia (con milioni di morti) nel novecento, la loro compiutezza finale. E' un'operazione descritta varie volte nel mio blog, una specie di seduta psichiatrica che mira a rendere edotti le persone delle varie brutture, limiti e traumi che la bloccano nel cammino e proprio per questo le due istanze nel passato chiamate semplicemente destra e sinistra, ora vengono traslate in due nuovi termini che rappresentano due eggregore presenti da millenni nell'umanità e che verranno lasciate e risolte nei prossimi anni.
Per quanto riguarda il globalismo, sicuramente esso è una distorsione dei principi e degli scopi internazionalisti e di solidarietà collettiva che ha avuto sempre la sinistra. I suoi principi di uguaglianza sociale, di mondo senza barriere, di fine delle classi e del sostegno verso i non privilegiati, nell'opera al nero diventa un'uguaglianza che stermina le differenze, un mondo senza classi, appiattito in un'unica classe di medio-poveri consumatori dipendenti dal mercato e la solidarietà collettiva e l'aiuto verso i non privilegiati diviene un monopolio dato ai diritti civili che calpesta i diritti sociali. Essendo verso la fine di cicli importanti, però ricordiamo che parliamo di archetipi, perchè in realtà il globalismo strutturalmente è di destra, impregnato di neoliberismo e darwinismo sociale e della fiducia nella "finta mano invisibile del mercato". L'inversione ha fatto si che strutture di destra fossero appoggiate da gente di sinistra, come spesso accade alla fine dei tempi, tutte le categorie si ribaltano.

Il globalismo segue ed è sostenuto dall'eggregora e archetipo luciferico e prometeico (come già discusso ampiamente in passato), quello della libertà senza limiti, del "niente regole", di uno gnosticismo oscuro (inteso come vedere il mondo opera di un demiurgo del male, non tanto del movimento in sé) che mira a distruggere completamente il vissuto perché limitante della libertà e creatività, da qui risulta naturale il perché molte istanze "arcobaleno" rigettano la procreazione, la separazione uomo e donna e sono molto affascinate dal transumanesimo.
Dall'altra parte nei sovranisti abbiamo l'archetipo ben rappresentato dal vecchio Dio Biblico, essi sono l'argine, la barriera, il muro, il katechon (vedere questo articolo per maggiori approfondimenti). Alla distruzione e all'annullamento luciferico, esso preferisce la schiavitù ordinata e precisa del gregge e quindi non sentirete mai in quell'ambito discorsi sulla sovrappopolazione. Il gregge più è grande e più da cibo. L'archetipo del "buon padre" severo, che da tutto ciò che vuole ai suoi figli con la contropartita della mancanza di libertà, della castrazione spirituale. 
E' naturale come in periodi astrologici di congiunzione tra Saturno e Capricorno, quest'ultimo archetipo (ancora per poco) stia acquistando forza, dopo una forte battuta d'arresto verificatasi a causa del grande trauma della seconda guerra mondiale. Dopo le tragedie naziste e fasciste, la sinistra (che a quei tempi ricopriva il ruolo dei populisti attuali), comincia la sua ascesa nella cultura e nella coscienza collettiva dell'occidente, ascesa che comincia a decellerare solamente a partire dagli anni 80 e 90.
Forse a questo punto non vi sembrerà più neanche tanto strano (come ho letto su facebook su un illuminante post e a quel punto si è accesa una lampadina), l'accanimento di Salvini in questo periodo verso il rosario e la figura della Madonna di chiara ascendenza cristiana, il suo esorcismo nel comizio al sud in Calabria contro i numerosi contestatori i giorni dopo il suo "tradimento". L'eggregora che vuol richiamare é chiara.
Così anche nei 5 stelle, se l'alleanza verso la lega aveva creato un primo trauma ed un allontanamento di molti, l'alleanza con il pd genera un ciclone, perchè l'apocalisse è questo, avviene quello che si crede inaspettato e tutti quanti sono giudicati, un'operazione di separazione del grano dal loglio, una ripulita generale. Chiunque segue questo teatrino credendosi nella ragione riceverà continue delusioni, botte e controbotte. I partiti sono i mezzi, non certamente lo scopo finale.
Il fenomeno Q è importante proprio perché da un certo punto di vista parla proprio di questo, ovvero della fine delle categorie su cui si è basato fin'ora l'occidente, svela il teatrino fatto di mosse e contromosse e così vedrete commentatori e persone che invece di parlare di "tutto é merda", cominciano ad interrogarsi del perchè di alcuni eventi. C'è da dire che i qanonisti attualmente, sono orientati più verso destra, o meglio diciamo quelli più influenti, infatti in Italia tra i sostenitori di Q troverete molti grillini, ma quelli più influenti rimangono leghisti o simpatizzanti della lega. Un errore a mio parere relegare un fenomeno così simbolicamente importante ad un particolare partito o ad alcuni soggetti, anche perchè poi va a finire (soprattutto in Q Italia), che la realtà sconfessa quello che si credeva, proprio perché abituati a guardare solamente da un lato, si perdono le altre angolazioni presenti e si fanno previsioni che nella realtà non si verificano.
Comunque si veda Q, è un'operazione che mira a fare quello che sembrava impossibile, ovvero ripulire la destra dalle sue istanze estreme. Entrambe destra e sinistra hanno subito i propri traumi, ognuno di loro ha scheletri nell'armadio, proprio per questo il cosiddetto populismo, insieme al sovranismo staccato da istanze partitiche (il sovranismo di partito è infatti semplicemente un blocco alla spregiudicatezza globalista senza nessuna istanza innovativa, al massimo economicismo più sano della media, quando altre volte semplice propaganda per far mangiare le vecchie caste cacciate dai tavoli che contano, in questo vi è immersa potentemente la lega, in cui vige per lo più autonomismo, soprattutto per i suoi legami forti con uomini della seconda repubblica, per rimanere solo dentro i nostri confini). Queste due istanze, populismo e sovranismo a-partitico (ancora poco sviluppato), sono i semi del grande sconvolgimento e della creazione di una società più armonica ed equilibratrice, a loro volta in staffetta con movimenti e personaggi del passato.
Questo scontro che crea così tanti rancori prima o poi finirà e stupirà tutti, anche coloro che lo avevano profetizzato, perché come spesso avviene nella realtà, si realizzerà con persone insospettabili, tramite eventi non profetizzabili (come sta avvenendo tutt'ora) ribaltando il piatto. Lo abbiamo visto in questi ultimi anni, basta tornare indietro anche di soli pochi anni ad esempio al 2013 e 2014, se aveste il potere di creare una macchina del tempo e di parlare con una persona che vive in quegli anni o con voi stessi del passato, rimarrebbero a bocca aperta se raccontereste le alleanze e i vari intrighi politici di questi ultimi anni. Fate questo giochetto, vi renderà più intuitivi e soprattutto vi farà pensare all'impensabile.
La congiunzione Saturno-Plutone che avviene guarda caso nel segno del potere del Capricorno, si ebbe anche in periodo di ascesa del nazismo, quindi è un periodo in cui vi è bisogno di sicurezza, di figure forti. E' il periodo in cui si ha paura (anche giustamente) del tracollo della civiltà, il periodo in cui si acclama a gran voce il katekon per frenare la società diretta verso spinte nichiliste e caotiche, anche in maniera del tutto illogica (appoggiando il peggior sfruttamento lavorativo e il peggior degrado ambientale), infatti noto con enorme disagio spesso, come si appoggi il più bieco conservatorismo e pensiero reazionario, spesso per una semplice paura del cambiamento, altre volte perchè in effetti diverse forze mirano ad un puro nichilismo derivante da un'insoddisfazione verso la civiltà, che purtroppo non si dirige verso qualcosa di costruttivo. I reazionari e i conservatori invece di far loro il cambiamento, giocano sugli istinti primordiali di sicurezza e tranquillità per far rimanere tutto così come è. Ai piani alti giocano con entrambi gli istinti di cambiamento e sicurezza per propagare il giochino del dividi et impera e dell'immobilismo del potere oligarchico: come nel film matrix o shining di Kubrick, si asseconda il cambiamento e distruzione del mondo esterno e persino cambio dei padroni visibili e una nuova rifondazione, per assecondare l'istinto primordiale di cambiamento insito nell'uomo e di sicurezza nel nuovo ordine, con il concetto di potere elitario sempre presente e più potente di prima.

Negli ultimi anni le configurazioni astrologiche sono state molto favorevoli al katekon, ma come diceva stesso il personaggio di finzione Q a Picard, l'uomo mira al cambiamento, a trovare qualcosa di nuovo e diverso, la stasi è morte, quindi questa parte reazionaria e conservatrice che ha trovato forza anche per una controparte progressista nichilista e globalista che ha dominato gli ultimi decenni nello zeitgeist, ha vita breve. La nuova configurazione Giove-Saturno dopo secoli in segni di terra, si avrà in segni di aria e non sarà accettato il conservatorismo ed anche il radical chic progressista legato all'apparenza e ad un'apertura ad occhi chiusi verso ciò che lo circonda, sarà fortemente contestato, grazie proprio all'opera di consapevolezza di questi anni di guerra. Si troverà un nuovo equilibrio e nuove note su cui ballare, portando l'uomo verso una civiltà cosmica. C'è il rischio che diventi una civiltà transumana con forze arimaniche e luciferiche? Esistono purtroppo già enormi oasi di influenza arimanica qua e là (cosa che decenni fa era quasi invisibile e maggiormente trattenuta) e questa enorme paura verso queste terribili forze fa si che molti ad occhi chiusi appoggino persino vecchie caste conservatrici che li hanno sempre fottuti, perché effettivamente meglio essere uno schiavo consapevole che inconsapevole, giusto?
Il futuro non sarà un mondo dove il senza confini significherà un mondo appiattito verso un'unica cultura senza differenze e con un impoverimento generale, non sarà certamente neanche un ritorno alle nazioni (perchè la coscienza collettiva umana lo ha sperimentato e non è più nelle sue corde, non si torna indietro come non lo si è fatto in tutti i secoli precedenti dove sono avvenute altrettante globalizzazioni che hanno portato sempre un'apertura dapprima barbara e poi più consapevole). Sicuramente l'umanità se vorrà sopravvivere dovrà cominciare a coltivare le varie differenze e a vederle come ricchezze e dall'altra parte capire che viviamo sulla stessa barca, o meglio pianeta. Per ora la confusione sotto i cieli è tanta e non sempre questo vuol dire che tutto è perfetto, dipende sempre dalla nostra capacità di surfare tra le onde psichiche ed emotive di un'umanità che aspira ad uscire dal suo stato infantile ed adolescenziale.

venerdì 25 gennaio 2019

LO ZEITGEIST UFOLOGICO - ascesa, morte e rinascita



Ogni anno il Time fa una classifica delle persone più influenti del mondo. La classifica dei 100 uomini e donne più potenti del mondo vede personaggi che effettivamente hanno un grosso seguito e generano forti reazioni contrastanti tra cui Donald Trump, Elon Musk, Emmanuel Macron e Kim Jong Un, fino a passare a personaggi dello spettacolo quali Jennifer Lopez e Rihanna. Altre riviste quali Forbes pubblicano (in un contesto più politico e meno pop) lo stesso tipo di classifiche.
E' un segno dei tempi effettivamente, ma nessuna di queste classifiche farà comprendere appieno dove effettivamente il mondo sta rivolgendosi verso il futuro, perché il singolo personaggio viene sempre giudicato in base alle proprie credenze, antipatie, simpatie e pregiudizi. Una bella classifica sarebbe invece quella degli zeitgeist più influenti o ancora di più sarebbe interessante investigare come essi si sono formati e da chi sono stati prodotti nel corso della storia umana. Questa analisi ci mostrerebbe incredibili sorprese, ovvero ci farebbe comprendere come lo status quo di ogni epoca e i personaggi considerati influenti storicamente o dalla contemporaneità, spesso in realtà o sono semplici fuochi fatui di un tal periodo storico, oppure personaggi indubbiamente influenti e potenti che però ad una più accurata analisi non sono altro che emanazioni e messa in pratica di un pensiero, di uno zeitgeist, di un'ideologia che è stata sempre anni luce lontana dallo status quo, dal mainstream, dalle luci della ribalta. Nella storia i veri personaggi influenti sono quelli che la maggioranza non calcola, a cui da poco spazio o che giudica in modo sbagliato. La materia storica ha sempre preferito concentrarsi maggiormente sugli esecutori, dedicando poco spazio, o meglio lasciando solo agli esperti del settore uno studio più serio sui creatori.
Lo abbiamo visto varie volte in questo blog, ad esempio quando abbiamo parlato delle vere origini della scienza, dei veri creatori di quella ideologia in questi due articoli (1 e 2 ); abbiamo accennato in passato come il vero creatore della pop culture ed una delle maggiori influenze culturali della parte ribelle e dionisiaca del rock, oltre che di alcuni dei più famosi romanzi del novecento (la figura del mago di oz è ispirata a Crowley ad esempio) sia appunto Aleister Crowley (personaggio che difficilmente troverete nei libri di scuola e di musica attuali). Come non troverete mai notizie di come la moderna spiritualità new age, l'esoterismo moderno, il sincretismo religioso e culturale tra oriente ed occidente, la fisica quantistica (tutti i più intimi conoscenti di Einstein erano ben consci che lui aveva sempre con se una copia della "dottrina segreta" della Blavatsky), la paleoastronautica ecc. ecc., sia stata enormemente influenzata dalla teosofia, personaggi che venivano derisi dall'ultra materialismo ingenuo ed elitario dell'ottocento.
Riallacciandomi agli ultimi articoli, lo zeitgeist così deriso e sottovalutato del complottismo, é dietro ideologicamente, ma anche praticamente, a tutti i fenomeni politici cosiddetti populisti, al nuovo scontro tra "sovranismo" e "globalismo", all'emergere in politica ed economia di temi fino a poco tempo fa taboo nel mainstream come la proprietà della moneta, big pharma, società del controllo con sistemi di spionaggio efficienti e di creazione di un'egualitarismo autoritario che elimina le differenze portando ad un eccesso di diritti civili tesi ad azzerare i diritti sociali e di comunità, il controllo degli stati da parte di entità sovranazionali non elette, sono tutti temi emersi e nell'arena pubblica grazie allo zeitgeist complottista di seconda metà anni 90 - primo decennio anni 2000 che ora fa il pieno di voti in politica. Anche gli attuali gilet gialli naturalmente ne sono una emanazione.
Fatta questa premessa, ritengo importante parlare di ciò che fu uno degli zeitgeist più sottovalutati e preda di fraintendimenti della storia, che anticipò il complottismo, di cui é il suo papà, la sua versione originale, ovvero lo zeitgeist ufologico.
Molti potrebbero pensare che questo tema è abbastanza demodé e poco interessante, in realtà oltre a farci comprendere l'origine del complottismo post-moderno e quindi parallelamente anche l'ascesa del "populismo-sovranista" (che è la principale novità politica degli ultimi decenni), in realtà mostrerà a noi tutti, un bello spaccato di storia passata, fungendo contemporaneamente da bussola per il futuro.
Io mi ritengo fortunato ad aver respirato ed essermi immerso totalmente in questo zeitgeist, mi rimanda a tempi ed atmosfere fascinose, ad un forte odore di libri, a soffitte e cantine, a ricerche clandestine, ma queste sono sensazioni personali, però chiunque si sia immerso anche solo per un pò all'interno dell'ufologia da fine anni 90 in giù, sa di cosa parlo.
Lo zeitgeist ufologico, il padre dello zeitgeist complottista post-moderno, nasce a fine anni 40, ovvero nel mondo post seconda guerra mondiale, un mondo ancora ibrido, dove la strutturata e mastodontica società della guerra fredda era ancora a livelli germinali, ma comunque si era già in piena Era atomica e si stava oramai entrando in una società planetaria, con problemi non più solamente locali, imperiali o continentali, ma globali, da qui anche la nascita di istituzioni sovranazionali come l'onu.
Diventa naturale che in un contesto come quello, nell'underground culturale si comincia ad essere consapevoli che bisogna non solo relazionare l'essere umano al suo mondo, ma anche all'universo che lo circonda. Gli alieni sarebbero quindi anche un bisogno inconscio di unire l'umanità per affrontare insieme problematiche universali, quella minaccia che il presidente Reagan in diversi suoi discorsi degli anni 80, si augurava per unire l'umanità in una cosa sola. Jung vedeva inizialmente gli Ufo come un mito moderno che mostrava la voglia di unione di una psiche distrutta e tutto sommato per chi non ha vissuto direttamente un'esperienza "ufologica", ma crede nel fenomeno, potrebbe essere in effetti questo il motivo della sua credenza, soprattutto in tempi post-moderni in cui la psiche è ancor più destrutturata che in passato. Naturalmente Jung si rese conto successivamente che il fenomeno era reale, anzi si rammaricò molto che vi erano diverse evidenze fisiche, anche perchè la sua versione era sicuramente molto più profonda ed intrigante.
Negli anni 50 il fenomeno divenne così diffuso e capillare negli Stati Uniti, tale da generare persino panico e diversi dibattiti politici, basti pensare che furono aperte persino diverse commissioni di investigazione e ricerche governative e paragovernative per cercare di tranquillizzare la gente ad esempio il progetto blue book gestito dall'aviazione americana (in queste settimane è uscita anche una serie americana ad esempio su questo tema), oltre ad una miriade di studi accademici che poi sono proseguiti nei successivi decenni. Negli anni 50 gli UFO erano una delle credenze, dei fenomeni culturali e delle esperienze più diffuse nel centro dell'impero che stava dominando il mondo politicamente, economicamente e culturalmente. Una pagina di storia così importante ridotta a piccoli accenni e trattata come curiosità culturale. Ogni personaggio famoso del pianeta doveva per forza dire la sua sul fenomeno per via dell'enorme mole di avvistamenti tra cui quello storico chiamato "carosello di Washington", una vera e propria flotta di sfere luminose viste in tutti gli Stati Uniti che misero in serie allarme radar e sistemi di difesa statunitensi per diversi giorni del luglio del 1952, con tanto di foto (alcuni dicono false ma poco importa) di sfere luminose sopra la casa bianca. Il vaso di pandora oramai era stato scatenato e nella pop culture tutto ciò si instaurò con un boom di film fantascientifici (la fantascienza cinematografica pur avendo rari ed importanti precedenti illustri, basti pensare Metropolis, ha la sua vera nascita e delineazione di massa a partire dagli anni 50) e con lo sdoganamento della fantascienza letteraria, che a differenza di quella cinematografica era già ben sviluppata, ma ebbe un ulteriore boom e maturazione nella scrittura proprio a partire dagli anni 50 (un nome su tutti, Asimov).
Accanto al fenomeno culturale degli avvistamenti a livelli tali da non poter essere nascosti (Roswell fu un evento da subito censurato e quindi la sua importanza ed il suo eco mediatico in quel periodo non fu fortissima), si aggiunse anche la cosiddetta prima ondata di contattisti, persone che non solamente dichiaravano di aver visto degli ufo, ma anche di aver parlato con coloro che li "guidavano".
George Adamski
Il più famoso fu sicuramente George Adamski poi pian piano seguito da altri personaggi più o meno famosi, tutti uniti in una sorta di agenda politica che in tempi di guerra fredda proponevano una società egualitaria dove la moneta, la guerra, la povertà non esistevano. C'è da dire che i contattisti, erano tra i più fieri propagatori del pericolo del nucleare in quel periodo di maccartismo, boom economico, in cui si scopriva che il nucleare in realtà poteva portare prosperità ed energia illimitata, un vero e proprio stato d'accusa ripreso alla grande da un film importante come fu "ultimatum alla terra". Negli anni 60 il fenomeno ufo, oramai ben impiantato nello zeitgeist, si cominciò a delineare in maniera più "cultista" e "new age", ispirata dal periodo pieno di rivolte e utopie e fu fondamentale nello sviluppo di varie sette come Heaven's Gate (famosa per uno dei peggiori suicidi di massa della storia a fine anni 90) o il Solar Temple ed una fortissima influenza e credenza negli hippie e nei vari movimenti pacifisti e neanche bisogna fare troppi sforzi per capire come molto dell'ambientalismo attuale debba molto a questo zeitgeist utile anche negli scettici nel porre l'umanità in un contesto planetario-galattico e non più localistico (dall'accusa dei contattisti verso il nucleare, alla preservazione di madre terra, non è difficile vedere in molti famosi ambientalisti attuali persone che in passato sguazzavano nella cultura ufologica).
Una delle più famose serie tv di tutti i tempi e padre del fandom moderno (in tutte le sue declinazioni), ovvero star trek, nacque grazie a questi influssi, così come molta musica pop e psichedelica fu influenzata moltissimo dagli "Ufo".
Non tutti i "contattisti" furono "progressisti" o comunque potremo dire di un'area più vicina alla sinistra. Con il passare del tempo emersero (anche se in forte minoranza) anche contattisti più legati agli ambienti di destra, ad esempio George Hunt Williamson era fortemente legato ai movimenti di estrema destra americani.
Questa descrizione da me fatta e molti altri eventi che per motivi di spazio e tempo non illustrerò completamente, mostrano come gli Ufo sia negli avvistamenti che nei messaggi dati dai loro "abitanti", andassero a braccetto con la cultura del periodo (per dirla come lo studioso francese Jacques Vallee che è la figura dello studioso francese a cui Spielberg si è ispirato per il successone "incontri ravvicinati del terzo tipo). Infatti almeno fino agli anni 70-80 per lo più vediamo una visione positiva del fenomeno, ovvero i cosiddetti extraterrestri sono buoni e vogliono salvarci dalla distruzione. Con la fine del boom economico, la violenza politica ed ideologica degli anni 70, il riflusso, il disimpegno e l'edonismo degli anni 80, cominciano ad emergere dettagli più scabrosi. I famosi rapimenti alieni hanno un primo boom negli anni 70, per poi stabilizzarsi nella letteratura ufologica negli anni 80 con i lavori pionieristici divenuti best seller in tutto il mondo di Budd Hopkins e del premio Pulitzer John Mack ed è tutta un'altra storia: non più alieni hippie o adombrati da una sorta di rosacrucianesimo cristiano o spirito collettivista comunista, ma parassiti (oltretutto non più umani nella forma, ma molto simili alle visioni che Crowley ebbe di un essere interdimensionale). L'antecedente del primo rapimento conosciuto o comunque ufficialmente riportato fu quello famoso di Barney e Betty Hill negli anni 60, periodo in cui lo zeitgeist ufologico era completamente opposto a ciò che i due coniugi riportavano e quindi bisognava aspettare solamente qualche decennio, ovvero l'inizio della notte oscura dell'anima, della società liquida dei revival, per far si che i rapimenti fossero accettati e studiati nella comunità ufologica.
L'ufologia ha portato anche alla nascita di un sotto-settore (che spesso cerca di discostarsi da esso, nonostante ne sia diretta emanazione) come la paleoastronautica, con eminenti studiosi come Graham Hancock che con i suoi studi (affiancati a quelli di altri ricercatori) sta molto influenzando l'archeologia ufficiale nella datazione della nascita delle prime civiltà, tanto che forse solo tra i pre millennials possiamo trovare persone che credono ancora che la prima civiltà in assoluto sia stata quella dei Sumeri, basti pensare le recenti ricerche sul sito archeologico di Gobekli Tepe.
Le ultime elezioni americane hanno (da parte democratica) cercato anche di cercare affiliati e votanti tra i numerosi "credenti negli ufo", solo in questo senso si possono vedere le dichiarazioni pre-elezioni del braccio destro della Clinton, Podesta, o la disclosure portata avanti dalla Cia tramite il famoso membro della band Blink 182, Tom DeLonge. Le influenze sono innumerevoli ed è impossibile farne una trattazione approfondita e completa in un articolo. La cosa importante ora è partire dal punto principale del mio articolo, ovvero come lo zeitgeist ufologico, fortissimo nella cultura alternativa fino agli anni 90, possa essere considerato il papà del complottismo moderno e come si configureranno in futuro questi zeitgeist visto che se il vecchio zeitgeist ufologico è apparentemente morto, anche quello complottista come visto nel precedente articolo non è in buona forma?
Andiamo con ordine e vediamo cosa successe a fine anni 90 ed inizio 2000, periodo che vide il culmine ed insieme la fine (almeno classica) di questo zeitgeist.
Il motto di x files insieme alla frase "la verità é la fuori"
Da una parte il successo planetario della serie tv X-files riportava in auge il fenomeno in un'ottica che anticipa di molto il complottismo post-moderno che tutti conosciamo, infatti se la mitologia principale della serie riguardava gli ufo e gli alieni, come fenomeno che il governo cercava di nascondere, la serie tv in realtà proponeva diversi racconti cospirativi che spaziavano da manipolazioni genetiche, esperimenti su ignari cittadini, guerre sotterranee ed influssi pop dati dalla trattazione di mostri classici quali vampiri, lupi mannari ecc. Il fenomeno ufo veniva visto in questa serie tv come fortemente manipolatorio e specie nelle stagioni 4 e 5, con una componente fortemente terrestre.

Oltre alla serie tv x-files, completamente allineata allo zeitgeist paranoide ed apocalittico degli anni 90, che presto avrebbe passato la staffetta all'attuale complottismo che si stava formando nei sottoboschi in quel periodo (Icke iniziò a scrivere i suoi primi best seller nei 90), altri importanti eventi fecero raggiungere al fenomeno ufo una popolarità che non si vedeva da decenni:
-l'apertura di un'indagine parlamentare sul caso Roswell nel 1994 portò l'aereonautica militare americana a cercare di mettere la parola fine una volta per tutti a questo fatto storico, pubblicando un primo rapporto nel 1995 ed il suo atto finale nel 1997. L'inchiesta come era prevedibile, escluse l'origine extraterrestre del fenomeno.
- Le rivelazioni del colonnello Philip Corso su Roswell che in un amalgama di farsa e verità, aprirono a molti gli occhi su quel periodo magico e senza tempo che furono gli anni post-seconda guerra mondiale, con un'ascesa tecnologica che con il senno di poi come detto molte volte in questo blog, si rivelò qualcosa di anomalo e con una tale accellerazione che va contro le leggi storiche ed evolutive, quasi come se in effetti si fosse svolta un'invasione aliena silenziosa che portò l'umanità in una dimensione completamente anomala ed inumana.
- Le rivelazioni di Bob Lazar sull'area 51 che rivelarono al pubblico l'esistenza di questa base segreta americana grazie ad una famosa intervista del maggio 1989 che tanto avrebbe fatto discutere ed influenzato lo zeitgeist ufologico degli anni 90.
- L'interesse ed il boom che ottenne il fenomeno dei rapimenti alieni, fenomeno così archetipico, tale da sopravvivere alla morte delll'ufologia classica che avvenne ad inizio terzo millennio e sopravvivere per un pò almeno per il successivo decennio. 
- La pubblicazione del filmato dell'autopsia aliena di Ray Santilli nel 1995 fu un evento così particolare ed insolito tale da poter essere in un certo qual modo paragonato, anche se con reazioni molto diverse (e sicuramente meno emotive), alla trasmissione degli anni 30, " la guerra dei mondi" di Orson Welles che sconvolse i vari radioascoltatori che credevano di stare assistendo ad un'invasione aliena in diretta. Il filmato di Santilli fu venduto per migliaia di dollari a svariate emittenti mondiali che fecero il boom di ascolti, pubblicando quasi come un trailer cinematografico o come un evento storico da sempre atteso, la sua messa in onda. Ricordo che persino la Rai, con la trasmissione "mistero", fece diversa pubblicità ed anteprime riguardo la pubblicazione del filmato, con tanto di studiosi che commentavano l'evento.
Un fotogramma del filmato dell'autopsia aliena di Ray Santilli
Il fenomeno era oramai divenuto così complesso e mondiale che come un impero nella sua fase di massima espansione, fu presto abbandonato per vari fattori: dall'ascesa del web che rendendo più diretta l'esperienza di ricerca e facile la fruizione dei contenuti, portò al paradosso e alla sua fase finale la desacralizzazione della realtà iniziata dagli anni 50 e naturalmente il fenomeno ufo (troppo classico, troppo yankee), non poteva essere risparmiato da questa fine; l'11 settembre naturalmente oltre a traumatizzare l'intero Occidente a causa di un potente archetipo messo in mostra, mostrò a tutti che la storia più che finita come affermava Francis Fukuyama, mostrava a tutti la sua natura ciclica e ripetitiva, oltre ad essere sempre più una farsa, assumendo connotazioni liquide e non più sacrali (la famosa ironia cinica e beffarda del web non ha risparmiato neanche gli eventi storici più sacri). Se un potere terrestre di qualunque colore, di Stato o clandestino, aveva il coraggio di uccidere migliaia di persone innocenti, a cosa serviva interrogarsi sugli ufo, quando i veri mostri li avevamo nel nostro pianeta? A che pro discutere di Ufo quando un'elite vuole distruggere il mondo in cui abiti?
Corrado Malanga
La notte dell'anima de-mitizzò il reale e l'impero dell'immaginario più potente della storia fu colpito al suo interno. Gli ufo erano troppo storici per sopravvivere ed infatti in Italia ad esempio questo cambio di Zeitgeist verso il fenomeno ufo fu ben simbolizzato dall'ascesa di Corrado Malanga che proponeva una visione del fenomeno molto più intimista che rifuggiva il classico approccio di "caccia agli avvistamenti", di catalogazione degli incontri ravvicinati di ogni tipo; l'ufologia di Malanga portò ad una guerra contro quella classica del CUN (centro ufologico nazionale) che cominciò ad essere accusato e sbeffeggiato da quello che era divenuto il nuovo fenomeno del web, capace di far breccia anche verso persone che mai si erano interessate agli ufo. I complottisti erano ammirati dalla sua visione e come ogni personaggio con forte personalità e con idee rivoluzionarie, fu odiato ed amato in maniera estrema.
Quando il fenomeno Malanga emerse dall'underground in cui si trovava, ma con una credibilità dovuta ad i suoi studi scientifici sul campo e a libri particolari, anomali e profondi in un Italia cattolicissima (come quello delle apparizioni mariane), io avevo già abbandonato l'interesse del fenomeno ufo in senso classico. Con i miei amici nel lontano 1997 (l'anno massimo di interessamento degli ufo per me personalmente) avevo creato un club sugli ufo, che mirava ad essere un centro di ricerca, in verità l'unico davvero interessato ero io ed alla fine quel club servì soprattutto per stare insieme e divertirsi, ma io respiravo gli ultimi scampoli di un campo di ricerca per così dire "classico" abbeverandomi con libri ed anche "riviste" scritti da "contattisti", con approccio tradizionale (i libri di Pinotti), approccio classico e post-moderno (diversi libri americani) e mix di cristianesimo e ufologia: ero in crisi mistica perchè il credere agli alieni metteva in dubbio tutto ciò che era il cristianesimo e quindi attirai a me mix di entrambe le visioni.
In quel periodo c'erano gli "ufo" e non gli "ufo e l'nwo" anche per questo motivo si conoscevano in maniera approfondità i minimi dettagli, i più importanti avvistamenti e contatti, lo studio era molto più meticoloso e scientifico e meno teorico-filosofico come invece è attualmente, c'era l'interrogarsi su cosa avrebbe significato per il nostro pianeta un contatto alieno, c'era la volontà di creare un paradiso in terra. Per quanto gli anni 90 furono apocalittici e paranoici, il nichilismo e la liquidità non erano ancora predominanti, prova ne sia che negli anni 90 la new age ebbe il suo boom. Era un periodo in cui si aveva paura del futuro, ma si aveva ancora una forte speranza perchè molti processi storici non erano completamente degenerati.
Dopo l'esperienza ufologica, come tutti i ricercatori ed i detrattori della realtà mainstream, fui affascinato dallo zeitgeist complottista e quando davo un'occhiata alla vecchia ufologia, vedevo che quella classica era morta e che in Italia il maggiore esponente era un chimico dapprima ateo, poi trasformatosi in una sorta di divulgatore gnostico (con tanto di teologia esposta) in cui gli alieni erano una parte importante, ma vista sotto una lente che rimandava agli arconti e demoni dell'antichità, quindi non più una visione universale del fenomeno, di catalogazione delle razze o tipica alla star trek, ovvero di federazione di pianeti, ma terracentrica, fortemente intimista e legata ad una battaglia di tipo spirituale.
Con l'avvento della crisi economica, gli ultimi scampoli classici di quello zeitgeist furono distrutti e pian piano il fenomeno ufo fu completamente invaso ed inghiottito dal complottismo, diventando una parte di esso (neanche la più importante). In un pianeta i cui problemi erano sempre più globali ed impellenti, dove le ideologie non attecchivano più, era questa una fase necessaria.
Il fenomeno ufo ora sta cercando di riemergere in una veste nuova, con diversi studiosi che dopo la fase del complottismo, ne escono più consapevoli e smaliziati verso il fenomeno. Dopo l'ufologia e il complottismo quale zeitgeist vedremo all'opera? Ed oggi il nuovo, l'informazione alternativa come si sta articolando? Quali poteri vi sono in gioco?
Se prestate attenzione questo mio articolo fa parte di una trilogia, di cui questo scritto è la seconda parte e quello sulla caduta del complottismo, la prima. Nel successivo articolo ci soffermeremo su qualcosa di particolare, parleremo del fenomeno Q, dell'alt right e forse mi toglierò anche qualche sassolino nella scarpa.