venerdì 25 gennaio 2019

LO ZEITGEIST UFOLOGICO - ascesa, morte e rinascita



Ogni anno il Time fa una classifica delle persone più influenti del mondo. La classifica dei 100 uomini e donne più potenti del mondo vede personaggi che effettivamente hanno un grosso seguito e generano forti reazioni contrastanti tra cui Donald Trump, Elon Musk, Emmanuel Macron e Kim Jong Un, fino a passare a personaggi dello spettacolo quali Jennifer Lopez e Rihanna. Altre riviste quali Forbes pubblicano (in un contesto più politico e meno pop) lo stesso tipo di classifiche.
E' un segno dei tempi effettivamente, ma nessuna di queste classifiche farà comprendere appieno dove effettivamente il mondo sta rivolgendosi verso il futuro, perché il singolo personaggio viene sempre giudicato in base alle proprie credenze, antipatie, simpatie e pregiudizi. Una bella classifica sarebbe invece quella degli zeitgeist più influenti o ancora di più sarebbe interessante investigare come essi si sono formati e da chi sono stati prodotti nel corso della storia umana. Questa analisi ci mostrerebbe incredibili sorprese, ovvero ci farebbe comprendere come lo status quo di ogni epoca e i personaggi considerati influenti storicamente o dalla contemporaneità, spesso in realtà o sono semplici fuochi fatui di un tal periodo storico, oppure personaggi indubbiamente influenti e potenti che però ad una più accurata analisi non sono altro che emanazioni e messa in pratica di un pensiero, di uno zeitgeist, di un'ideologia che è stata sempre anni luce lontana dallo status quo, dal mainstream, dalle luci della ribalta. Nella storia i veri personaggi influenti sono quelli che la maggioranza non calcola, a cui da poco spazio o che giudica in modo sbagliato. La materia storica ha sempre preferito concentrarsi maggiormente sugli esecutori, dedicando poco spazio, o meglio lasciando solo agli esperti del settore uno studio più serio sui creatori.
Lo abbiamo visto varie volte in questo blog, ad esempio quando abbiamo parlato delle vere origini della scienza, dei veri creatori di quella ideologia in questi due articoli (1 e 2 ); abbiamo accennato in passato come il vero creatore della pop culture ed una delle maggiori influenze culturali della parte ribelle e dionisiaca del rock, oltre che di alcuni dei più famosi romanzi del novecento (la figura del mago di oz è ispirata a Crowley ad esempio) sia appunto Aleister Crowley (personaggio che difficilmente troverete nei libri di scuola e di musica attuali). Come non troverete mai notizie di come la moderna spiritualità new age, l'esoterismo moderno, il sincretismo religioso e culturale tra oriente ed occidente, la fisica quantistica (tutti i più intimi conoscenti di Einstein erano ben consci che lui aveva sempre con se una copia della "dottrina segreta" della Blavatsky), la paleoastronautica ecc. ecc., sia stata enormemente influenzata dalla teosofia, personaggi che venivano derisi dall'ultra materialismo ingenuo ed elitario dell'ottocento.
Riallacciandomi agli ultimi articoli, lo zeitgeist così deriso e sottovalutato del complottismo, é dietro ideologicamente, ma anche praticamente, a tutti i fenomeni politici cosiddetti populisti, al nuovo scontro tra "sovranismo" e "globalismo", all'emergere in politica ed economia di temi fino a poco tempo fa taboo nel mainstream come la proprietà della moneta, big pharma, società del controllo con sistemi di spionaggio efficienti e di creazione di un'egualitarismo autoritario che elimina le differenze portando ad un eccesso di diritti civili tesi ad azzerare i diritti sociali e di comunità, il controllo degli stati da parte di entità sovranazionali non elette, sono tutti temi emersi e nell'arena pubblica grazie allo zeitgeist complottista di seconda metà anni 90 - primo decennio anni 2000 che ora fa il pieno di voti in politica. Anche gli attuali gilet gialli naturalmente ne sono una emanazione.
Fatta questa premessa, ritengo importante parlare di ciò che fu uno degli zeitgeist più sottovalutati e preda di fraintendimenti della storia, che anticipò il complottismo, di cui é il suo papà, la sua versione originale, ovvero lo zeitgeist ufologico.
Molti potrebbero pensare che questo tema è abbastanza demodé e poco interessante, in realtà oltre a farci comprendere l'origine del complottismo post-moderno e quindi parallelamente anche l'ascesa del "populismo-sovranista" (che è la principale novità politica degli ultimi decenni), in realtà mostrerà a noi tutti, un bello spaccato di storia passata, fungendo contemporaneamente da bussola per il futuro.
Io mi ritengo fortunato ad aver respirato ed essermi immerso totalmente in questo zeitgeist, mi rimanda a tempi ed atmosfere fascinose, ad un forte odore di libri, a soffitte e cantine, a ricerche clandestine, ma queste sono sensazioni personali, però chiunque si sia immerso anche solo per un pò all'interno dell'ufologia da fine anni 90 in giù, sa di cosa parlo.
Lo zeitgeist ufologico, il padre dello zeitgeist complottista post-moderno, nasce a fine anni 40, ovvero nel mondo post seconda guerra mondiale, un mondo ancora ibrido, dove la strutturata e mastodontica società della guerra fredda era ancora a livelli germinali, ma comunque si era già in piena Era atomica e si stava oramai entrando in una società planetaria, con problemi non più solamente locali, imperiali o continentali, ma globali, da qui anche la nascita di istituzioni sovranazionali come l'onu.
Diventa naturale che in un contesto come quello, nell'underground culturale si comincia ad essere consapevoli che bisogna non solo relazionare l'essere umano al suo mondo, ma anche all'universo che lo circonda. Gli alieni sarebbero quindi anche un bisogno inconscio di unire l'umanità per affrontare insieme problematiche universali, quella minaccia che il presidente Reagan in diversi suoi discorsi degli anni 80, si augurava per unire l'umanità in una cosa sola. Jung vedeva inizialmente gli Ufo come un mito moderno che mostrava la voglia di unione di una psiche distrutta e tutto sommato per chi non ha vissuto direttamente un'esperienza "ufologica", ma crede nel fenomeno, potrebbe essere in effetti questo il motivo della sua credenza, soprattutto in tempi post-moderni in cui la psiche è ancor più destrutturata che in passato. Naturalmente Jung si rese conto successivamente che il fenomeno era reale, anzi si rammaricò molto che vi erano diverse evidenze fisiche, anche perchè la sua versione era sicuramente molto più profonda ed intrigante.
Negli anni 50 il fenomeno divenne così diffuso e capillare negli Stati Uniti, tale da generare persino panico e diversi dibattiti politici, basti pensare che furono aperte persino diverse commissioni di investigazione e ricerche governative e paragovernative per cercare di tranquillizzare la gente ad esempio il progetto blue book gestito dall'aviazione americana (in queste settimane è uscita anche una serie americana ad esempio su questo tema), oltre ad una miriade di studi accademici che poi sono proseguiti nei successivi decenni. Negli anni 50 gli UFO erano una delle credenze, dei fenomeni culturali e delle esperienze più diffuse nel centro dell'impero che stava dominando il mondo politicamente, economicamente e culturalmente. Una pagina di storia così importante ridotta a piccoli accenni e trattata come curiosità culturale. Ogni personaggio famoso del pianeta doveva per forza dire la sua sul fenomeno per via dell'enorme mole di avvistamenti tra cui quello storico chiamato "carosello di Washington", una vera e propria flotta di sfere luminose viste in tutti gli Stati Uniti che misero in serie allarme radar e sistemi di difesa statunitensi per diversi giorni del luglio del 1952, con tanto di foto (alcuni dicono false ma poco importa) di sfere luminose sopra la casa bianca. Il vaso di pandora oramai era stato scatenato e nella pop culture tutto ciò si instaurò con un boom di film fantascientifici (la fantascienza cinematografica pur avendo rari ed importanti precedenti illustri, basti pensare Metropolis, ha la sua vera nascita e delineazione di massa a partire dagli anni 50) e con lo sdoganamento della fantascienza letteraria, che a differenza di quella cinematografica era già ben sviluppata, ma ebbe un ulteriore boom e maturazione nella scrittura proprio a partire dagli anni 50 (un nome su tutti, Asimov).
Accanto al fenomeno culturale degli avvistamenti a livelli tali da non poter essere nascosti (Roswell fu un evento da subito censurato e quindi la sua importanza ed il suo eco mediatico in quel periodo non fu fortissima), si aggiunse anche la cosiddetta prima ondata di contattisti, persone che non solamente dichiaravano di aver visto degli ufo, ma anche di aver parlato con coloro che li "guidavano".
George Adamski
Il più famoso fu sicuramente George Adamski poi pian piano seguito da altri personaggi più o meno famosi, tutti uniti in una sorta di agenda politica che in tempi di guerra fredda proponevano una società egualitaria dove la moneta, la guerra, la povertà non esistevano. C'è da dire che i contattisti, erano tra i più fieri propagatori del pericolo del nucleare in quel periodo di maccartismo, boom economico, in cui si scopriva che il nucleare in realtà poteva portare prosperità ed energia illimitata, un vero e proprio stato d'accusa ripreso alla grande da un film importante come fu "ultimatum alla terra". Negli anni 60 il fenomeno ufo, oramai ben impiantato nello zeitgeist, si cominciò a delineare in maniera più "cultista" e "new age", ispirata dal periodo pieno di rivolte e utopie e fu fondamentale nello sviluppo di varie sette come Heaven's Gate (famosa per uno dei peggiori suicidi di massa della storia a fine anni 90) o il Solar Temple ed una fortissima influenza e credenza negli hippie e nei vari movimenti pacifisti e neanche bisogna fare troppi sforzi per capire come molto dell'ambientalismo attuale debba molto a questo zeitgeist utile anche negli scettici nel porre l'umanità in un contesto planetario-galattico e non più localistico (dall'accusa dei contattisti verso il nucleare, alla preservazione di madre terra, non è difficile vedere in molti famosi ambientalisti attuali persone che in passato sguazzavano nella cultura ufologica).
Una delle più famose serie tv di tutti i tempi e padre del fandom moderno (in tutte le sue declinazioni), ovvero star trek, nacque grazie a questi influssi, così come molta musica pop e psichedelica fu influenzata moltissimo dagli "Ufo".
Non tutti i "contattisti" furono "progressisti" o comunque potremo dire di un'area più vicina alla sinistra. Con il passare del tempo emersero (anche se in forte minoranza) anche contattisti più legati agli ambienti di destra, ad esempio George Hunt Williamson era fortemente legato ai movimenti di estrema destra americani.
Questa descrizione da me fatta e molti altri eventi che per motivi di spazio e tempo non illustrerò completamente, mostrano come gli Ufo sia negli avvistamenti che nei messaggi dati dai loro "abitanti", andassero a braccetto con la cultura del periodo (per dirla come lo studioso francese Jacques Vallee che è la figura dello studioso francese a cui Spielberg si è ispirato per il successone "incontri ravvicinati del terzo tipo). Infatti almeno fino agli anni 70-80 per lo più vediamo una visione positiva del fenomeno, ovvero i cosiddetti extraterrestri sono buoni e vogliono salvarci dalla distruzione. Con la fine del boom economico, la violenza politica ed ideologica degli anni 70, il riflusso, il disimpegno e l'edonismo degli anni 80, cominciano ad emergere dettagli più scabrosi. I famosi rapimenti alieni hanno un primo boom negli anni 70, per poi stabilizzarsi nella letteratura ufologica negli anni 80 con i lavori pionieristici divenuti best seller in tutto il mondo di Budd Hopkins e del premio Pulitzer John Mack ed è tutta un'altra storia: non più alieni hippie o adombrati da una sorta di rosacrucianesimo cristiano o spirito collettivista comunista, ma parassiti (oltretutto non più umani nella forma, ma molto simili alle visioni che Crowley ebbe di un essere interdimensionale). L'antecedente del primo rapimento conosciuto o comunque ufficialmente riportato fu quello famoso di Barney e Betty Hill negli anni 60, periodo in cui lo zeitgeist ufologico era completamente opposto a ciò che i due coniugi riportavano e quindi bisognava aspettare solamente qualche decennio, ovvero l'inizio della notte oscura dell'anima, della società liquida dei revival, per far si che i rapimenti fossero accettati e studiati nella comunità ufologica.
L'ufologia ha portato anche alla nascita di un sotto-settore (che spesso cerca di discostarsi da esso, nonostante ne sia diretta emanazione) come la paleoastronautica, con eminenti studiosi come Graham Hancock che con i suoi studi (affiancati a quelli di altri ricercatori) sta molto influenzando l'archeologia ufficiale nella datazione della nascita delle prime civiltà, tanto che forse solo tra i pre millennials possiamo trovare persone che credono ancora che la prima civiltà in assoluto sia stata quella dei Sumeri, basti pensare le recenti ricerche sul sito archeologico di Gobekli Tepe.
Le ultime elezioni americane hanno (da parte democratica) cercato anche di cercare affiliati e votanti tra i numerosi "credenti negli ufo", solo in questo senso si possono vedere le dichiarazioni pre-elezioni del braccio destro della Clinton, Podesta, o la disclosure portata avanti dalla Cia tramite il famoso membro della band Blink 182, Tom DeLonge. Le influenze sono innumerevoli ed è impossibile farne una trattazione approfondita e completa in un articolo. La cosa importante ora è partire dal punto principale del mio articolo, ovvero come lo zeitgeist ufologico, fortissimo nella cultura alternativa fino agli anni 90, possa essere considerato il papà del complottismo moderno e come si configureranno in futuro questi zeitgeist visto che se il vecchio zeitgeist ufologico è apparentemente morto, anche quello complottista come visto nel precedente articolo non è in buona forma?
Andiamo con ordine e vediamo cosa successe a fine anni 90 ed inizio 2000, periodo che vide il culmine ed insieme la fine (almeno classica) di questo zeitgeist.
Il motto di x files insieme alla frase "la verità é la fuori"
Da una parte il successo planetario della serie tv X-files riportava in auge il fenomeno in un'ottica che anticipa di molto il complottismo post-moderno che tutti conosciamo, infatti se la mitologia principale della serie riguardava gli ufo e gli alieni, come fenomeno che il governo cercava di nascondere, la serie tv in realtà proponeva diversi racconti cospirativi che spaziavano da manipolazioni genetiche, esperimenti su ignari cittadini, guerre sotterranee ed influssi pop dati dalla trattazione di mostri classici quali vampiri, lupi mannari ecc. Il fenomeno ufo veniva visto in questa serie tv come fortemente manipolatorio e specie nelle stagioni 4 e 5, con una componente fortemente terrestre.

Oltre alla serie tv x-files, completamente allineata allo zeitgeist paranoide ed apocalittico degli anni 90, che presto avrebbe passato la staffetta all'attuale complottismo che si stava formando nei sottoboschi in quel periodo (Icke iniziò a scrivere i suoi primi best seller nei 90), altri importanti eventi fecero raggiungere al fenomeno ufo una popolarità che non si vedeva da decenni:
-l'apertura di un'indagine parlamentare sul caso Roswell nel 1994 portò l'aereonautica militare americana a cercare di mettere la parola fine una volta per tutti a questo fatto storico, pubblicando un primo rapporto nel 1995 ed il suo atto finale nel 1997. L'inchiesta come era prevedibile, escluse l'origine extraterrestre del fenomeno.
- Le rivelazioni del colonnello Philip Corso su Roswell che in un amalgama di farsa e verità, aprirono a molti gli occhi su quel periodo magico e senza tempo che furono gli anni post-seconda guerra mondiale, con un'ascesa tecnologica che con il senno di poi come detto molte volte in questo blog, si rivelò qualcosa di anomalo e con una tale accellerazione che va contro le leggi storiche ed evolutive, quasi come se in effetti si fosse svolta un'invasione aliena silenziosa che portò l'umanità in una dimensione completamente anomala ed inumana.
- Le rivelazioni di Bob Lazar sull'area 51 che rivelarono al pubblico l'esistenza di questa base segreta americana grazie ad una famosa intervista del maggio 1989 che tanto avrebbe fatto discutere ed influenzato lo zeitgeist ufologico degli anni 90.
- L'interesse ed il boom che ottenne il fenomeno dei rapimenti alieni, fenomeno così archetipico, tale da sopravvivere alla morte delll'ufologia classica che avvenne ad inizio terzo millennio e sopravvivere per un pò almeno per il successivo decennio. 
- La pubblicazione del filmato dell'autopsia aliena di Ray Santilli nel 1995 fu un evento così particolare ed insolito tale da poter essere in un certo qual modo paragonato, anche se con reazioni molto diverse (e sicuramente meno emotive), alla trasmissione degli anni 30, " la guerra dei mondi" di Orson Welles che sconvolse i vari radioascoltatori che credevano di stare assistendo ad un'invasione aliena in diretta. Il filmato di Santilli fu venduto per migliaia di dollari a svariate emittenti mondiali che fecero il boom di ascolti, pubblicando quasi come un trailer cinematografico o come un evento storico da sempre atteso, la sua messa in onda. Ricordo che persino la Rai, con la trasmissione "mistero", fece diversa pubblicità ed anteprime riguardo la pubblicazione del filmato, con tanto di studiosi che commentavano l'evento.
Un fotogramma del filmato dell'autopsia aliena di Ray Santilli
Il fenomeno era oramai divenuto così complesso e mondiale che come un impero nella sua fase di massima espansione, fu presto abbandonato per vari fattori: dall'ascesa del web che rendendo più diretta l'esperienza di ricerca e facile la fruizione dei contenuti, portò al paradosso e alla sua fase finale la desacralizzazione della realtà iniziata dagli anni 50 e naturalmente il fenomeno ufo (troppo classico, troppo yankee), non poteva essere risparmiato da questa fine; l'11 settembre naturalmente oltre a traumatizzare l'intero Occidente a causa di un potente archetipo messo in mostra, mostrò a tutti che la storia più che finita come affermava Francis Fukuyama, mostrava a tutti la sua natura ciclica e ripetitiva, oltre ad essere sempre più una farsa, assumendo connotazioni liquide e non più sacrali (la famosa ironia cinica e beffarda del web non ha risparmiato neanche gli eventi storici più sacri). Se un potere terrestre di qualunque colore, di Stato o clandestino, aveva il coraggio di uccidere migliaia di persone innocenti, a cosa serviva interrogarsi sugli ufo, quando i veri mostri li avevamo nel nostro pianeta? A che pro discutere di Ufo quando un'elite vuole distruggere il mondo in cui abiti?
Corrado Malanga
La notte dell'anima de-mitizzò il reale e l'impero dell'immaginario più potente della storia fu colpito al suo interno. Gli ufo erano troppo storici per sopravvivere ed infatti in Italia ad esempio questo cambio di Zeitgeist verso il fenomeno ufo fu ben simbolizzato dall'ascesa di Corrado Malanga che proponeva una visione del fenomeno molto più intimista che rifuggiva il classico approccio di "caccia agli avvistamenti", di catalogazione degli incontri ravvicinati di ogni tipo; l'ufologia di Malanga portò ad una guerra contro quella classica del CUN (centro ufologico nazionale) che cominciò ad essere accusato e sbeffeggiato da quello che era divenuto il nuovo fenomeno del web, capace di far breccia anche verso persone che mai si erano interessate agli ufo. I complottisti erano ammirati dalla sua visione e come ogni personaggio con forte personalità e con idee rivoluzionarie, fu odiato ed amato in maniera estrema.
Quando il fenomeno Malanga emerse dall'underground in cui si trovava, ma con una credibilità dovuta ad i suoi studi scientifici sul campo e a libri particolari, anomali e profondi in un Italia cattolicissima (come quello delle apparizioni mariane), io avevo già abbandonato l'interesse del fenomeno ufo in senso classico. Con i miei amici nel lontano 1997 (l'anno massimo di interessamento degli ufo per me personalmente) avevo creato un club sugli ufo, che mirava ad essere un centro di ricerca, in verità l'unico davvero interessato ero io ed alla fine quel club servì soprattutto per stare insieme e divertirsi, ma io respiravo gli ultimi scampoli di un campo di ricerca per così dire "classico" abbeverandomi con libri ed anche "riviste" scritti da "contattisti", con approccio tradizionale (i libri di Pinotti), approccio classico e post-moderno (diversi libri americani) e mix di cristianesimo e ufologia: ero in crisi mistica perchè il credere agli alieni metteva in dubbio tutto ciò che era il cristianesimo e quindi attirai a me mix di entrambe le visioni.
In quel periodo c'erano gli "ufo" e non gli "ufo e l'nwo" anche per questo motivo si conoscevano in maniera approfondità i minimi dettagli, i più importanti avvistamenti e contatti, lo studio era molto più meticoloso e scientifico e meno teorico-filosofico come invece è attualmente, c'era l'interrogarsi su cosa avrebbe significato per il nostro pianeta un contatto alieno, c'era la volontà di creare un paradiso in terra. Per quanto gli anni 90 furono apocalittici e paranoici, il nichilismo e la liquidità non erano ancora predominanti, prova ne sia che negli anni 90 la new age ebbe il suo boom. Era un periodo in cui si aveva paura del futuro, ma si aveva ancora una forte speranza perchè molti processi storici non erano completamente degenerati.
Dopo l'esperienza ufologica, come tutti i ricercatori ed i detrattori della realtà mainstream, fui affascinato dallo zeitgeist complottista e quando davo un'occhiata alla vecchia ufologia, vedevo che quella classica era morta e che in Italia il maggiore esponente era un chimico dapprima ateo, poi trasformatosi in una sorta di divulgatore gnostico (con tanto di teologia esposta) in cui gli alieni erano una parte importante, ma vista sotto una lente che rimandava agli arconti e demoni dell'antichità, quindi non più una visione universale del fenomeno, di catalogazione delle razze o tipica alla star trek, ovvero di federazione di pianeti, ma terracentrica, fortemente intimista e legata ad una battaglia di tipo spirituale.
Con l'avvento della crisi economica, gli ultimi scampoli classici di quello zeitgeist furono distrutti e pian piano il fenomeno ufo fu completamente invaso ed inghiottito dal complottismo, diventando una parte di esso (neanche la più importante). In un pianeta i cui problemi erano sempre più globali ed impellenti, dove le ideologie non attecchivano più, era questa una fase necessaria.
Il fenomeno ufo ora sta cercando di riemergere in una veste nuova, con diversi studiosi che dopo la fase del complottismo, ne escono più consapevoli e smaliziati verso il fenomeno. Dopo l'ufologia e il complottismo quale zeitgeist vedremo all'opera? Ed oggi il nuovo, l'informazione alternativa come si sta articolando? Quali poteri vi sono in gioco?
Se prestate attenzione questo mio articolo fa parte di una trilogia, di cui questo scritto è la seconda parte e quello sulla caduta del complottismo, la prima. Nel successivo articolo ci soffermeremo su qualcosa di particolare, parleremo del fenomeno Q, dell'alt right e forse mi toglierò anche qualche sassolino nella scarpa.

lunedì 27 agosto 2018

ASCESA E CADUTA DEL COMPLOTTISMO


Infowars di proprietà di Alex Jones, il complottista più famoso al mondo insieme a David Icke, è stato praticamente oscurato da tutti i grandi social network e servizi digitali comunicativi del web, in una mossa così drastica che è difficile trovare precedenti simili in Occidente. Alla censura verso Alex Jones si è aggiunta anche quella verso Ron Paul, altrettanto significativa, ma in questa sede per ovvi motivi e per il clamore e i diverbi maggiori che crea nell'opinione pubblica, parleremo solamente di Infowars.
La censura è stata sempre presente nell'era di internet, qui però non stiamo parlando di un semplice blog informativo e neanche di paesi abituati alla censura web di grandi proporzioni come la Cina o la Turchia, non stiamo neanche parlando di un semplice canale web complottista, ma di una vera e propria potenza mediatica dell'informazione alternativa del web. Infowars è una vera e propria azienda, con tanto di prodotti pubblicitari, un vero e proprio canale con logiche simili a quelle di una rete televisiva, con milioni di ascoltatori, con una vera e propria redazione di giornalisti e punti di appoggio ed inviati in tutto il territorio statunitense, stimata ed appoggiata persino dal presidente Trump che si è concesso in un'intervista ad Alex Jones.
Il ban, l'oscuramento, riguarda Youtube, Facebook (entrambi hanno cancellato tutti i suoi contenuti), Twitter, persino Apple ha cancellato la stragrande maggioranza dei suoi podcast su itunes store, così come Spotify.
Tutto questo sincronicamente avviene subito dopo l'articolo in due parti sulla "fine del complottismo" pubblicato da Cristopher Knowles nel blog secretsun. La traduzione di questi due articoli la trovate nel blog civiltascomparse: qui la prima parte e qui la seconda.


Come interpretare questo evento? Prima un breve excursus storico:
Icke ha avuto il merito di portare quello che oggi chiamiamo complottismo, alle masse, di togliere da quell'aura elitaria e spesso legata ad alcuni ambienti della destra tradizionale, tutto ciò che riguardava il discorso sul cosiddetto "grande vecchio" e tutte le analisi di un'entità mondializzata e pervasiva (in passato da alcuni chiamata sinarchia), che si insinua come un virus all'interno degli Stati, un'internazionale del potere che avrebbe addirittura (o crederebbe di avere) un'eredità di migliaia di anni, al di la delle logiche dualistiche destra e sinistra.

La sinistra meglio di tutti era riuscita ad analizzare le logiche di potere e sottomissione del sistema capitalistico. Proprio perchè la sua analisi era di parte, la vera sinistra ha sempre abiurato il complottismo, proprio perché non riusciva a concepire un'elite non ideologizzata o meglio la cui ideologia era al di sopra di quella capitalista e comunista, dove sia il comunismo che il capitalismo divenivano mezzi per raggiungere uno scopo, non potevano assolutamente accettare qualcosa del genere, anche per questo molte persone di sinistra rimangono allergiche al cosiddetto complottismo (che accusa stesso la sinistra di far parte spesso involontariamente del gioco) ed anche per questo molti di loro si sono avvicinati in ritardo ad esso e con logiche ed approcci diversi dai puri complottisti.
Per la sinistra lo svelamento delle dinamiche del potere è già avvenuto, il problema non è tanto svelare il potere (ci sono gli scritti di Marx o della scuola di Francoforte), quanto abbatterlo. Questa visione ha fatto a pugni con la realtà, sia perché intanto la classe operaia e le dinamiche capitaliste si sono evolute in una maniera difficile da immaginare per un uomo dell'ottocento ed anche della prima metà e più del novecento, ma soprattutto perchè tutto quel movimento popolare che doveva abbattersi contro il capitalismo in realtà si è schierato dalla sua parte, non ha fatto altro che volerlo e difenderlo fortemente, persino la sinistra parla tranquillamente di libero mercato ed i paesi cosiddetti socialisti e comunisti per la maggior parte si sono convertiti al capitalismo, mostrando in diversi casi una crescita economica ed un tenore di vita nettamente superiore a quello avuto nel periodo cosiddetto "social-comunista".
Tutto questo è avvenuto anche perché una volta che l'orrore dei regimi comunisti è venuto fuori, se si poteva rispondere che in quei Stati al massimo vi era stato una sorta di socialismo non perfetto e non il comunismo, per via di dinamiche che restringevano il raggio d'azione degli stati socialisti a causa di questioni geopolitiche, politiche che comunque non facevano morire di fame le persone, la gente che purtroppo e per fortuna ragiona di pancia ma vuole anche effetti pratici, vedeva che qui in Occidente uno aveva l'illusione forte di essere in piena libertà, poteva tentare di arricchirsi senza rischiare di essere visto come uno sfruttatore o un avido, di comprare, di ascoltare e di leggere qualunque cosa si volesse, fosse persino un libro che mirava a distruggere il sistema, la gente sapeva che non gli sarebbe piombata in casa la polizia accusandolo di lettura eretica, sapeva che poteva aprire una propria attività e che poteva persino prendere a pernacchie un politico e ancor meglio professarsi comunista ed entrare in parlamento come comunista. Tutti sapevano che il nostro sistema occidentale era ipocrita (e molti svelavano i meccanismi criminali che esso aveva verso gli Stati cosiddetti del terzo mondo) e la consapevolezza inconscia era che in prospettiva futura ci avrebbe portato probabilmente in rovina, ma guardando al di là della cortina, ad est e ad Oriente le persone non potevano che dire con sicurezza "sono nel miglior sistema di merda del mondo".
Questo unito al non sapersi allineare con lo zeitgeist attuale, al non avvicinarsi ad istanze complottiste che quando non puramente tali diventano populiste, ha fatto divenire la sinistra europea elitaria e paradossalmente pro-capitale, il più grande rivolgimento mai visto nella storia politica.
Il mondo andava avanti e la sinistra rimaneva ancorata al suo glorioso passato venendo intanto infiltrata dall'esterno.
La destra con le paure di cui si nutre e che spesso scatena, ottiene sempre più consensi, perché per quanto possa fare ribrezzo a molti, è stata molto più coerente e quasi mai ipocrita nelle sue azioni. La si può accusare delle maggiori nefandezze nella storia, ma mai di non essere stata trasparente o ambigua nel suo programma. Questo unito all'ascesa dell'informazione alternativa e dei populismi ha fatto il resto.
Lasciate stare i soliti complottisti nichilisti che si vedono un'elite: nel nostro pianeta, anzi rimaniamo in Occidente, se andiamo a percentuali, la maggioranza non ha letto nulla di Alex Jones e di David Icke, ma le loro azioni influenzano la società occidentale.
David Icke
Insomma Icke come pedina principale, insieme a vari altri attori minori ha portato quindi il complottismo alle masse; Alex Jones al contrario ai suoi esordi, nella sua fase pionieristica, gli ha dato un'organizzazione, una struttura, facendolo fuoriuscire dai libri e divenendo il complottista più famoso degli Stati Uniti che ricordiamolo erano e sono ancora il centro dell'impero.
Tutti i complottisti sanno che è stato tra i maggiori propagatori della teoria dell'autoattentato dell'11 settembre (evento crocevia come detto varie volte in passato di tanti eventi ed anche l'evento fondativo del complottismo moderno e post-moderno), tra i primi insieme ai suoi collaboratori a fare opere di disturbo ai comizi dei Clinton, a urlare e sbeffeggiare faccia a faccia Rotschild, Kissinger e company (guardatevi i filmati di we change non so in quale piattaforma, magari di terze parti), il primo addirittura ad infiltrarsi e mostrare il filmato di un rituale in una delle sedi più segrete al mondo e più preda delle fantasie complottiste (Bohemian Groves). Con Alex Jones si usciva dalla teorie, dai blog e dai siti, si smetteva di cantarsela e raccontarsela tra se e si passava all'organizzazione pratica (con tanto di creazione di un vero e proprio network), tanto che oramai è strafamoso tra i cosiddetti liberals americani ( che sono la versione del pd o la generazione che alcuni chiamano malignamente dei buonisti e dei radical chic), negli Usa è infatti un vero e proprio personaggio pubblico spesso ostracizzato dalla CNN che lo ha anche ospitato in un'intervista oramai cult sulla politica favorevole al "controllo delle armi", quindi stiamo parlando di uno dei padri fondativi del moderno complottismo, eppure stesso Alex Jones ai più attenti svela il principio (già enunciato) e la fine del complottismo moderno.



                  La famosa intervista del giornalista Piers Morgan della Cnn ad Alex Jones sul controllo delle armi

La censura ad Alex Jones naturalmente non ha niente a che fare con la fine del complottismo classico, anche perché se ha sempre un'influenza enorme, come tutte le parabole umane, Alex Jones viene visto anche come fanatico e traditore da molti complottisti, soprattutto dopo la sua svolta ultra tradizionalista e reazionaria e soprattutto politica, di appoggio a Trump (di cui sembra quasi diventato l'ufficio stampa). Alex Jones è semplicemente un simbolo e questa asserzione (fine del complottismo) che per molti può essere vista in modo negativo o addirittura come una falsità, in realtà tramite la figura del texano verace, rivela come in futuro si articolerà questo movimento, anzi come in realtà si sta già articolando da qualche anno.
In principio infatti da Maxwell ad Icke ad altri autori minori, la materia complottista come ogni -ismo e nuova credenza che si forma, portava un'enorme mole di dati, ma in un contesto generale si articolava quasi come esoterica, dedicata a pochi iniziati, sembrava articolare una metafisica del potere più che portare delle soluzioni, proprio perchè il potere era così antico ed onnipervasivo che l'unica cosa che si poteva fare era, mostrarlo, farlo conoscere, teorizzarlo.
Il complottismo (e questo lo dimenticano molti complottisti) è pur sempre un ismo e ha portato tanti semi di verità e consapevolezza, ma non è la verità assoluta e neanche il traguardo finale per capire le dinamiche di potere e soprattutto non è neanche lo strumento principe per combatterle e quindi come ogni ismo, ha una fase germinale (seconda metà ottocento, primo novecento), seguita dalla fase di "carboneria massonica", clandestina e per pochi eletti (seconda metà del novecento fino agli anni 90). Queste due fasi nel pensiero gandhiano dell'evoluzione di un'idea e di una lotta, può essere vista come la fase del "prima ti ignorano". La terza fase che parte dalla seconda parte degli anni 90 (ed ha come eventi catalizzatori lo zeitgeist dei 90 e il successivo 11 settembre) è la fase gandhiana del "poi ti deridono", seguita dalla fase attuale iniziata nel secondo decennio del terzo millennio (direi dal 2011-2013) quasi giunta alla fine ed è la fase ghandiana del "poi ti combattono". La successiva è  la fase ghandiana del "poi vinci" ed una volta realizzata questa fase, il complottismo non avrà più ragione di esistere.
In questa attuale fase i complottisti si interessano ed appoggiano molte istanze e lotte istituzionali, cosa inconcepibile ed inammissibile nel primo decennio del terzo millennio, dove dai complottisti ogni manifestazione mainstream, ogni evento politico ed economico era manovrato dall'onnipotente NWO, quindi vi era una sorta di nichilismo verso la realtà che poteva sintetizzarsi in una delle frasi simbolo di uno dei fenomeni culturali degli anni 90 che ha creato l'humus e lo zeitgeist giusto alla formazione del complottismo, ovvero x-files con la sua frase "trust no one" (non fidarti di nessuno). E comunque i complottisti ne avevano ben donde, destra e sinistra erano effettivamente uguali nelle linee basilari (libero mercato, privatizzazioni, appoggio del sistema neoliberista) e va dato merito a essi di averlo visto prima di tutti, quando ancora la maggioranza nel primo decennio o parteggiava per Berlusconi perché lo ammirava e odiava i comunisti o parteggiava per la sinistra perchè odiava Berlusconi. Parecchie persone già erano apatiche verso le ideologie e solamente una figura forte come Berlusconi ha tenuto in piedi un teatrino falso e controproducente, ovvero del fatto che diversi o meno nei modi di pensare, nessuno dei due partiti (che inciuciavano lontani da sguardi indiscreti) avrebbe mai contestato il sistema e cambiato le cose in meglio.
Questa sorta di nichilismo che aveva solide basi reali, il famoso "pensiero alla Icke" del "tutti sono ammanicati", nemici davanti i riflettori, amici dietro le quinte, si è trasformato paradossalmente in molte persone, in attivismo che ha portato ai populismi attuali, un vero e proprio incubo per il tradizionale complottista post-moderno per cui ogni manifestazione all'interno del sistema è corrotta e quindi bisogna starne fuori, ogni parte del mainstream recita ed è ammanicata e per cui il vissuto pubblico sembra un film di spie con mosse e contromosse, dove persino una frase o un pensiero illuminato può servire per accalappiare i "gonzi". Non è un caso che la rappresentazione della società pubblica come teatro abbia portato i più estremi a tutte quelle teorie sui manichini che sostituiscono i cadaveri durante gli attentati terroristici e all'avanzare di teorie assurde come la terra piatta. Per il complottista duro e puro (fauna in via d'estinzione) il populismo è il suo peggior incubo, diventa nella sua visione, l'incanalare il dissenso in logiche istituzionali per distruggerlo e togliergli la sua carica sovversiva ed anarchica, ovvero "il banco vince sempre".
Il complottista tradizionale accusa una persona di essere un gatekeeper (quindi una persona che volontariamente ha uno scopo sovversivo tramite un doppio gioco) persone che magari sostengono le loro stesse battaglie che però non sono d'accordo su un particolare punto o hanno azioni che loro ritengono pro-sistema, anche per questo l'm5s dopo l'entusiasmo iniziale in molti complottisti tradizionali è stato successivamente accusato delle peggiori calunnie persino più degli avversari evidenti e tradizionali, questo perchè il complottista tradizionale ammette una purezza ed una perfezione ed una totale aderenza al dogma complottista. Quando un ismo diventa chiuso, con precise regole e dogmatico, entra nel contesto pubblico e si istituzionalizza, diventando una religione o una fede in cui la minima devianza porta al tradimento e all'accusa.
Quindi molte istanze complottiste si stanno istituzionalizzando, molti vecchi complottisti appoggiano un partito, movimento o comunque sono attivi nell'arena pubblica avendo anche forte seguito, qualcosa di inconcepibile fino a qualche anno fa, in questo senso potrebbero avere ragione i complottisti duri e puri per cui "hai ragione, il complottismo sta morendo e sarà una tragedia per la libera informazione". Non credo, andiamo con calma, affidiamoci a fatti storici e soprattutto vediamo l'attuale situazione e soprattutto ricordatevi che il complottismo è un ismo, una manifestazione di uno zeitgeist e come ogni manifestazione di pensiero apporterà grossi cambiamenti ma sarà anche destinata a morire sostituita da qualcos'altro e nella storia se spesso movimenti indipendenti o nati come tali hanno fatto una brutta fine, vi assicuro che i semi positivi che hanno piantato li gustiamo pienamente tutt'oggi.
Ad esempio una delle varie esposizioni di Icke che trovavo molto intriganti e che in effetti mi hanno fatto aprire gli occhi sul funzionamento dell'economia era la storia della nascita delle banche centrali e della Federal Reserve, della loro costruzione e della creazione del monopolio e del controllo dell'emissione della moneta. Un'entità centralizzata che decide quando stampare, quando favorire alcuni processi economici o meno. E' chiaro che se ci troviamo di fronte ad uno Stato corrotto e non democratico la banca centrale diventa un vero e proprio pericolo pubblico. Quest'argomentazione ha portato ai vari discorsi sul signoraggio ed anche discussioni in cui più che criticare la banca centrale alcuni criticavano la sua privatizzazione (quindi un'idea opposta a quella più anarchica di Icke che rigettava qualsiasi controllo che fosse nazionale o meno), però pur con metodi, risultati e mete opposte, tutti questi schieramenti concordavano nel volere un controllo pubblico o comunque trasparente nell'emissione della moneta.
Ebbene la creazione di blockchain decentralizzati nella rete internet che ha portato alle valute senza creazione centralizzata e controllo monopolistico come bitcoin e che contro ogni previsione si stanno fortemente diffondendo dal post crisi economica (2008) non è  forse una vera e propria possibilità concreta? Un sogno che diventa realtà per chi vuole togliere il potere di stampare moneta alle banche centrali, agli organismi internazionali o agli Stati o per far conoscere questa possibilità finalmente ad un pubblico vasto?
Questo è uno dei tantissimi esempi che si possono fare, ovvero quando c'è la possibilità concreta di una decentralizzazione nel processo di emissione e creazione della moneta, discutere di queste cose non è più complottismo, diventa una battaglia pubblica, che può essere anche derisa, ma è una realtà e così saranno altre istanze complottiste e le cosiddette idee segrete che solo i complottisti credevano di sapere e possedere. Quando si discute del pericolo di diversi vaccini, di una prevenzione che più che osteggiare i vaccini, vuole che siano trattati come dei normali farmaci (come in effetti sono), quando molti militari hanno avuto reazioni avverse, quando da un punto di vista medico e scientifico diventa poco chiaro se in mancanza di un pericolo di epidemia ai classici 4 vaccini, ne diventino obbligatori una decina, pensando a tutto quello successo in passato con il ministro della sanità De Lorenzo con lo scandalo della tangente, alle varie bugie raccontate (i centinaia di morti per morbillo in Inghilterra denunciati dalla ministra Lorenzin ecc.), ai miliardi buttati (dai cittadini, non certo dalle case farmaceutiche) legati al vaccino contro il virus H1N1, tutte discussioni legate ai complottisti e che si dicevano sottovoce, ora finite nell'arena pubblica, in tv, nelle piazze, quindi anche in questo caso se il dibattito pubblico è aperto a cosa serve il complottismo? Se l'informazione alternativa si organizza in potenti network e racconta di cose prima destinate a pochi ( ad esempio gli abusi sessuali tra i potenti, soprattutto verso i minori e naturalmente non mi riferisco a casi simbolicamente significativi, come il caso Weinstein, tipico evento fatto fuoriuscire per bloccare una diga piena di casi ben più scabrosi e destabilizzanti, vedere il nuovo scandalo all'interno del Vaticano e quello che pian piano sta emergendo da Hollywood), quindi il complottismo classico, quello che è rimasto ancorato e pensa che il mondo è uguale al pre 2008, che senso ha di esistere nelle sue forme classiche?
La fine del complottismo é quindi in realtà il complottismo stesso che diventa istituzionale, mainstream: una fede fanatica nei pochi irriducibili, attivismo e pensiero flessibile nei fortunati; il complottismo diventa quindi una battaglia pubblica e non più qualcosa di alternativo, chiuso, dimenticato e ridicolizzato. Non più un'invisibile minoranza, una setta, ma qualcosa di esposto che ha richiami politici e che porta la gente ad operare scelte alternative.
Molte delle istanze complottiste sono divenute realtà operative, molti dibattiti di cui ci si vergognava o di cui si discuteva con giusto quei 2 o 3 soliti noti, sono evidenti a tutti, in modo serio o derisi platealmente non sono più nascosti e non lasciano più indifferenti e questo come ho già detto in vari articoli in passato ed enunciato in forma di prosa profetica simbolica ad esempio in questo articolo che ha avuto abbastanza successo (per gli standard del mio blog), era qualcosa che nessuno, ma proprio nessuno avrebbe mai creduto possibile.
Detto ciò, questa mia analisi tutto sommato sintetica e che tocca solamente in superficie lo sconvolgimento che già sta avvenendo e che aumenterà fino a scatenarsi come un vero e proprio uragano sulla nostra realtà, vuole semplicemente dimostrare che ogni pensiero umano, ogni ismo, può essere anche il più radicale ed estremo, ebbene prima o poi entrerà in forme distorte nell'arena pubblica, magari temporaneamente bloccato e nascosto, ma si affermerà nella realtà in maniera naturalmente diversa da come i loro creatori pensavano. E' stato così con tutti i movimenti anti-sistema, sono stati infiltrati, in alcuni casi distrutti, ma non è vero la logica complottista tradizionale che li vuole perdenti, semplicemente pur se normalizzati o addirittura cambiati nella radice, hanno portato anche cambiamenti positivi e nuove consapevolezze, perché la vita è fatta così e nessun grande vecchio può controllare tutto l'ingranaggio. Lo gnosticismo è stato molto più estremo del complottismo, quindi nessuno creda di avere il sacro graal. Abbiamo uno strumento potente che con l'attuale velocità dei mezzi di informazione e degli eventi globali, del mondo molto più interconnesso, può davvero rivoltare tutto come un calzino come mai successo in passato, quindi la differenza non è tanto l'ismo o il pensiero, è il contesto che rende il tutto più radicale.
Cosa davvero porta nella realtà tutto questo? L'effetto Truman Show, qualcosa di cui molti senza sapere benissimo di cosa si tratta, cercavano di teorizzare, ora come nei peggiori degli incubi lo vediamo nella vita di tutti i giorni.
Credo che sia inutile dire di cosa parla il film "Truman Show", lo abbiamo visto tutti o comunque a grandi linee sappiamo la trama; cosa succede quando Truman (il true man, il vero uomo) comincia a sospettare che c'è un complotto contro di lui, che è tutto una farsa? La cosa intrigante del film non è tanto lo svelamento del complotto, ma l'agire di coloro che creano e fanno parte del complotto, ovvero le loro azioni diventano sempre più patetiche una volta scoperto il giochetto, si tradiscono, impazziscono ed hanno un esaurimento nervoso (la moglie di Truman lo accusa di essere un pazzo violento, piange, grida e non vuole più far parte del gioco). Così coloro che volontariamente (una piccolissima minoranza) o non volontariamente (una larga maggioranza) favoriscono questo sistema inumano, assumono atteggiamenti sempre più illogici e schizofrenici, daranno la vita per non far crollare l'illusione, diventando sempre più grossolani e maldestri nelle loro azioni, sempre più trasparenti. E' il teatro che si svela, è la vergogna massima, il sipario cade e svela il dietro le quinte, immaginate la reazione. Lo stiamo vedendo adesso.
Naturalmente essendo una cosa molto grossa ed abbastanza destabilizzante, una parte semplicemente (sempre più minoritaria) continua ad appoggiare lo status quo e la narrazione lineare, un'altra grande parte cerca di navigare nel caos vedendo le continue prese per il culo, si incazza, si stressa e cerca di ridurre tutto ad un discorso politico ed economico o magari se ne frega semplicemente, perché andare oltre per ora farebbe impazzire anche loro. Anche queste persone di cui fa parte anche il complottista classico che magari indora di spiritualità ed esoterismo il tutto, ha una visione più vasta del teatrino ma ha paura di andare oltre lo scontro dualistico lineare "noi vs loro", "sistema vs popolo", perché ognuno di noi per sopravvivere ha bisogno di categorizzare, del bianco e del nero, quindi molti di loro neanche credono nel ribaltamento e nello svelamento del Truman Show o perché pensano che esso non sia planetario e perché preferiscono la narrazione lineare del "banco vince sempre, il sistema ci terrà sempre in pugno, è sempre più avanti, fattene una ragione".
Ognuno pensa che la sua realtà è la migliore per l'altro, ognuno ha un atteggiamento paternalistico, questo modo di comportarsi lo troverete dappertutto, anche nei posti che credete più liberi.

Dal film Truman Show:

Truman: Chi sei tu?

Christof: Sono il creatore... di uno show televisivo che dà speranza, gioia ed esalta milioni di persone.

Truman: E io chi sono?

Christof: Tu sei la star!

Truman: Non c'era niente di vero?

Christof: Tu eri vero! Per questo era così bello guardarti. Ascoltami Truman, là fuori non troverai più verità di quanta non ne esista nel mondo che ho creato per te... le stesse ipocrisie, gli stessi inganni; ma nel mio mondo tu non hai niente da temere... Io ti conosco meglio di te stesso!

Truman: Non ho una telecamera nella testa!

Christof: Tu hai paura... per questo non puoi andare via. Stai tranquillo... ti capisco. Ho seguito ogni istante della tua vita. Ti ho seguito quando sei nato. Ti ho seguito quando hai mosso i tuoi primi passi. Ti ho seguito nel tuo primo giorno di scuola. Il momento in cui hai perso il tuo primo dentino... come fai ad andartene? Il tuo posto è qui, con me! Dai... dì qualcosa... accidenti Truman, vuoi parlare?, siamo in televisione! Sei in diretta mondiale!

Truman: Buongiorno... e casomai non vi rivedessi, buon pomeriggio, buonasera e buonanotte!

giovedì 26 luglio 2018

THERE'S A NEW SHERIFF IN TOWN

Come ben sanno coloro che leggono il mio blog quando parlo di partiti politici, elezioni e materie connesse, non lo faccio mai da un punto di vista strettamente politico ma sempre tenendo in conto l’impatto ed il significato che gli eventi politici hanno nella coscienza collettiva umana, nel cambiamento della loro percezione, quindi da un punto di vista simbolico e sincromistico, tenete in mente tutto ciò, perché in questo mio articolo si parlerà tantissimo di avvenimenti politici ma non si farà politica nel senso tradizionale del termine ed infatti sarà un articolo pieno di concetti astrologici. Non troverete nel mio articolo teorie che vedono la lega e l’m5s come la salvezza dell’Italia (o almeno non in senso prettamente politico) e neanche come burattini mossi dai poteri forti, quello che scriverò si basa su supposizioni e previsioni fatte anni fa, in tempi non sospetti e che pian piano si stanno avverando, infatti sarà un articolo che prenderà diversi spunti, ampliandoli, di diversi articoli degli ultimi due anni (soprattutto).



Il 15 maggio Urano è entrano nel segno del Toro. Urano è da sempre visto come il segno rivoluzionario per eccellenza (non a caso scoperto nel 18° secolo, in coincidenza con le rivoluzioni americane e francesi, come dire quando l’archetipo viene scoperto, esso può rivelarsi nella realtà), un pianeta il cui ingresso nel segno non è mai silente, ma può essere paragonato all’ingresso di un elefante in una cristalleria.

Toro al contrario è un segno pratico, che ama stare con i piedi per terra (il primo segno di Terra), poco disponibile ai cambiamenti e quindi si dice che Urano e Toro insieme formano una coppia strana, perché per il pianeta azzurro il segno del Toro non è uno dei suoi domicili principali, in cui si sente a suo agio.

Il Toro governa l’economia, la madre terra, quindi la fertilità, tutto ciò che è legato al cibo, ai frutti che ci da la natura. E’ un segno calmo e paziente al contrario del suo predecessore irruento e individualista (Ariete), in cui Urano è più a suo agio.

Ne consegue che in questo ciclo di 7 anni iniziato all’incirca due mesi fa ( e che si dovrebbe concludere nel 2024-2025, in corrispondenza con l’eclissi speculare americana del 2017 come spiegato in questo articolo), tutto ciò che riguarda le caratteristiche di quel segno, verranno rimesse in discussione, ribaltate e nuove prospettive si apriranno in quei campi.

In coincidenza dell’ingresso di Urano nel Toro, oltre all’eruzione vulcanica nelle Hawaii (terra, catastrofi naturali), Di Maio (Movimento 5 stelle) e Salvini (Lega) hanno trovato un accordo improbabile ad inizio anno, impossibile da immaginare fino a poco più di un anno fa, intesa-legame che ha inaugurato la cosiddetta terza repubblica.
Un murales che ha fatto discutere, non a caso ispirato al ben più famoso murales situato a Berlino che ritrae il bacio tra i due leader comunisti, divenuto il murales simbolo della caduta del muro di Berlino. Anche in questo caso ci troviamo davanti ad un fenomeno di specularità, di inversione, una specie di specchio storico (naturalmente chiuso e che riguarda la nostra storia nazionale)

   

Non è un caso che appena trovato l’accordo e con gli incredibili eventi degli ultimi giorni di maggio, tutta la discussione si sia centrata su questioni economiche (euro si-euro no, almeno a livello di coscienza collettiva nazionale) e che il pomo della discordia nella formazione del governo sia stato guarda caso il ministero dell’economia, a tutto ciò si aggiunge un evento Economico con la E maiuscola, con forti componenti geopolitiche, ovvero dell’aumento dei dazi americani verso l’Europa, che indebolirebbero soprattutto la Germania (una delle più potenti esportatrici mondiali), un evento che come molti sanno è strettamente legato a quello della formazione del nuovo governo italiano e che ha avuto strascichi anche nel g7 più fallimentare (apparentemente) e patetico della storia, insomma BENVENUTO URANO IN TORO.

I precedenti 7 anni sono stati dominati da Urano in Ariete, che entrò nel primo segno dello zodiaco il 28 maggio 2010, per poi lasciarlo brevemente e rientrare temporaneamente in Pesci da agosto 2010 al 12 marzo 2011, per poi rientrare definitivamente in Ariete fino appunto a maggio 2018. Sono date che non passano inosservate, infatti la definitiva entrata di Urano in Ariete corrisponde allo tsunami giapponese e alla catastrofe nucleare di Fukushima. Visto il carattere individualista ed aggressivo dell’Ariete, segno che non ama le contromisure, che non ama entrare a compromessi e per cui il mondo spesso si divide in bianco e nero (parliamo naturalmente per archetipi), l’ingresso e l’avvicinamento di Urano in Ariete corrispose alla primavera araba, l’indignados, occupy wall street, la prima crisi economica europea (Grecia ed in generale i cosiddetti paesi Piigs) ed il timido affacciarsi degli euroscettici e dei cosiddetti populisti che a fine ciclo (2017-2018) erano oramai una forza mainstream e potente tale da scardinare l’establishment tradizionale in diversi paesi occidentali, lo abbiamo visto con Trump, con la Brexit e con l’attuale governo italiano che si è formato con Urano in Toro, ma che ha prosperato e si è reso una potenza con Urano in Ariete.

Le tendenze che sviluppa Urano in Ariete sono fortemente individualistiche ed infatti lo abbiamo visto con il riemergere dei nazionalismi e la prima vera messa in crisi della globalizzazione.

Nei vari articoli dedicati al post-periodo delle elezioni di Trump avevo articolato questo discorso affermando che gli ultimi anni di questo decennio avrebbero visto acutizzarsi lo scontro tra nazionalisti (o come amano appellarsi loro, “sovranisti”) verso neo-liberisti, progressisti, meglio conosciuti come globalisti. E’ una guerra senza esclusioni di colpi che rispetto al 2016, anno in cui era ad uno stato iniziale e che l’elezione di Trump aveva messo in luce, ora nell’anno attuale 2018 è entrata definitivamente nella coscienza collettiva.

Non è un caso che Urano, il pianeta dei cambiamenti rivoluzionari immediati, in Ariete (segno individualista per eccellenza), abbia visto crollare o meglio ha reso obsoleto il concetto di destra e sinistra. Ad inizio ciclo (2010-2011), occupy Wall Street e gli indignados protestavano contro l’1% di umanità che dominava il restante 99% in un contesto non ideologico (ricordo ad esempio le manifestazioni in Italia in cui chi portava con sé una bandiera di partito, veniva fischiato); a fine ciclo, persino i politici più establishment creano sconcerto perché non si riesce a posizionarli in una precisa ala politica, anzi per vincere devono essere disposti ad essere flessibili e non facilmente inquadrabili, basti pensare Macron in Francia che ha vinto anche per il suo posizionarsi e dichiararsi al di sopra della destra e della sinistra e la breve stagione di Renzi (uomo di sinistra che parla e fa politiche di destra) che ha praticamente distrutto gli ultimi scampoli ideologici più forti e tradizionalisti in Italia (almeno a livello di mainstream), ovvero la sinistra che come sappiamo ha avuto nella vita politica italiana degli ultimi 70 anni, i personaggi più sinceramente ideologizzati ed attivisti. Per non parlare di Trump, primo presidente della storia ad essere avversato da più della metà del suo partito, che cercò in passato di farsi eleggere con il partito democratico (a cui era iscritto, cosa che molti dimenticano) e che è forse la persona simbolo più potente dei populisti che altro non sono che movimenti non ideologizzati. Poi c’è naturalmente il movimento 5 stelle, il simbolo più potente di scardinamento delle ideologie e di “appiattimento” o meglio di visione della politica non più verticistica e partitica. Anche i 5 stelle, nati sotto l’influsso di Urano in Pesci, sono prosperati, entrati in parlamento, divenuti una forza politica ed il primo partito italiano, pronto a governare, proprio con Urano in Ariete e si sono sempre opposti alla logica destra e sinistra.

Come sappiamo una visione ideologica spesso richiede una comunione d’intenti, anche un certo dogmatismo nel seguire alcuni pensieri ed idee della società. Urano nel segno individualista per eccellenza (Ariete), abbatte tutte le spinte collettiviste ed ecco che spunta il problema immigrazione e dei confini, il tutti contro tutti, la critica contro una politica piramidale e verticistica, lo vediamo con la nascita dei partiti euroscettici, contro l’elefantiaca, burocratica e verticistica Unione europea ed oltre agli eventi già accennati precedentemente (Brexit, Trump, crollo di Renzi e nuovo governo populista in Italia), possiamo aggiungere il referendum greco e la poca solidarietà dei paesi europei verso la difficile situazione economica dell’Europa, l’ascesa politica e la presa di potere di personaggi tradizionali ma completamente contrari ad istituzioni accentratrici come l’UE (Orban in Ungheria) e la fine dell’unipolarismo americano in campo economico (il petroyuan, gli accordi commerciali Russia-Cina, la stessa ascesa della Cina e dell’oriente come nuovo baricentro del potere mondiale futuro) o militare (la crisi siriana e la leadership diplomatica della Russia).

Sempre nella politica italiana Urano in Ariete ha accentuato le spinte individualistiche del m5s, il suo “mai con nessuno, nessuna alleanza ecc.”, posizioni mitigate solamente con Urano in Toro.

Sono stati sette anni senza un vero e proprio centro di gravità permanente, ma fondamentali per una certa fuga dal centro e da spinte accentratrici e piramidali che alla fine del ciclo Urano-Ariete, si sono rese obsolete ed impraticabili. Era scontato che le ideologie fuoriuscissero dalla politica definitivamente proprio con Urano in Ariete, ideologie che riescono ad unire masse di persone verso un unico scopo, che hanno obiettivi collettivi, che hanno spesso una visione transnazionale (il comunismo come il cristianesimo ha avuto sempre obiettivi mondiali, ovvero di evangelizzare e diffondere in tutto il mondo la propria ideologia). L’entrata definitiva di Urano nell’individualista Ariete avvenne in maniera quasi sincronica con una fissione (separazione) nucleare a Fukushima, in Giappone, la dove sorge il sole, l’estremo Oriente.

Porta caos, spinte individualiste e poca comunanza e diplomazia, ma porta anche più praticità ed un forte scollamento da forti autorità accentratrici ed oppressive, almeno da un punto di vista di appoggio della coscienza collettiva, infatti i vari centri di potere hanno perso il monopolio nella creazione di etats d’esprit e nell’influenzare le opinioni. Il popolo in questi ultimi anni ha votato ed ha agito (quasi per dispetto) in maniera opposta da come ordinavano i mass-media, ha capito molti dei trucchetti insiti nella comunicazione mainstream e se è vero che è stato il periodo del “chi fa da se fa per tre”, in cui si è mostrata la falsa comunanza dell’UE dove pochi comandano e la maggioranza viene vessata, è stato comunque un periodo certamente povero da un punto di vista di consapevolezza spirituale, ricco invece per una consapevolezza civica e politica.

Nel primo articolo del 2017 che trovate cliccando qui, grazie all’illuminante analisi dell’astrologo Austin Coppock, avevamo parlato della congiunzione Saturno-Plutone che sta per arrivare alla sua fase finale durata 33 anni (quindi iniziata nel 1982) e che nella sua fase finale si svolge nel segno del potere, ovvero del Capricorno, segno in cui Saturno è entrato nel dicembre del 2017, intorno al solstizio invernale ed in cui transiterà fino al 2020. Qui Saturno, segno della conservazione, della morte, del razionalismo, della rinuncia, della perseveranza, trova il suo domicilio primario, rappresenta il re che conquista il suo trono o riprendendo una metafora televisiva “winter is coming”. Saturno entra nel solstizio invernale del 2017 in Capricorno segno invernale. E’ tempo di preservare ciò che è rimasto, preparare il campo, proteggere e rinunciare, prima dell’attacco finale. In questo ciclo Saturno con Plutone (anche questo pianeta guarda caso transita nel segno del Capricorno dal 2008 ed avendo tempi più lunghi lascerà questo segno solamente nel 2024) sono in congiunzione e quando questi segni sono congiunti, come ho spiegato nell’articolo del 2017, vi saranno periodi di maggior accentramento di potere, mentre l'opposizione porta invece ad una decentralizzazione.

Questo ciclo di congiunzione tra Plutone e Saturno è iniziato nel 1982 ed ha avuto un accentrarsi del potere di organismi sovranazionali come multinazionali ed organismi come la Ue a scapito delle nazioni, crisi del welfare e globalizzazione neoliberista. Questo ciclo sta arrivando alla sua fase finale e proprio per questo motivo che in questi ultimi anni vediamo scontrarsi sovranismo vs globalismo in maniera sempre più evidente.

Naturalmente non è un caso che proprio in dirittura finale ci sia l’emergere di temi “oscuri” e l’uso di parole quali “nazista”, “fascista”, questo anche perché alcune configurazioni guarda caso sono “speculari”, non simili, a quelle degli anni 30 e 40, il ciclo Saturno-Plutone in congiunzione mette alla luce gli accentratori, gli affamati di potere, radicalizza le posizioni ed anche le azioni, è tempo di personaggi forti che generano reazioni estreme. E’ un periodo quindi di figure politiche forti in tutti gli schieramenti. Come alcuni studi astrologici e non, lasciano prevedere, questa situazione cambierà o almeno si mitigherà fortemente solamente ad inizio del prossimo decennio.

L’attuale governo lega-movimento 5 stelle nasce proprio alle fine di questo insieme di cicli (tra cui quello Giove-Saturno in segni di terra, di 200 anni che come spiegato sempre in questo articolo qui, si concluderà nel 2020) e il suo grande (almeno iniziale) successo, lo deve ad una serie di fattori che ora analizzeremo.
La triade governativa, con Conte mediatore tra gli opposti. Pensate anche ad una analogia religiosa ed avrete delle sorprese

Una cosa si può dire obiettivamente, questo è il governo uscito dalle urne con il più largo consenso da almeno il 1987, per la prima volta dagli anni 80 si raggiunge un consenso che supera la metà degli elettori italiani (più del 50% e stando agli attuali sondaggi anche più del 60%) anche perché dall’inizio della seconda repubblica in poi, quindi dall’inizio degli anni 90, venne cambiata la legge elettorale in senso maggioritario, quindi tralasciando gli inciuci sotterranei, erano governi senza alleanze esterne, infatti fino al 2011 abbiamo avuto governi di centrodestra alternati da governi di centrosinistra ed anche quando la stella di Berlusconi era al massimo, egli non riuscì mai a raggiungere il 50%, si riuscì a sfiorare questo risultato nel 2001 dove tutta la coalizione del centro destra con i suoi tantissimi partiti e con il ritorno della lega nord all’ovile, tutti insieme raggiungevano il 49%, da lì in poi abbiamo avuto governi con una maggioranza sempre in discesa fino all’ascesa dei governi tecnici non votati, del proporzionale e dell’inciucio come unico metodo di governo stabile e con maggioranza, quindi sicuramente quello che è successo con la formazione del governo a maggio e l’entusiasmo che si è portato avanti, non si vedeva dal 1994, anno dell’inizio dell’era berlusconiana. Se diamo un giudizio neutro senza tifo politico naturalmente, tutti sono concordi che il 1994 fu l’elezione che inaugurò ufficialmente la seconda repubblica e nel bene e nel male venne presa con entusiasmo dai milioni di elettori che avevano votato Berlusconi perché sapevano che le cose sarebbero cambiate, anche i suoi nemici ed avversari non poterono non notare che la vittoria di Berlusconi rappresentava un qualcosa di nuovo ed un taglio verso la prima repubblica, una nuova idea di politica, di “rappresentazione” politica, di crollo di categorie, chi aveva votato il “polo delle libertà” era eccitato perché a suo dire mandava a casa la vecchia casta, i vecchi parrucconi che da quasi 50 anni infestavano la politica, nel bene e nel male era un nuovo mondo e quindi tutti in modo ottimista o in modo pessimista erano eccitati, inorriditi o sorpresi dal risultato, certamente era impossibile avere reazioni tiepide. Ecco la formazione del nuovo governo ha un impatto emozionale che non si vedeva dal 1994 e risultati di consenso che non si vedevano dalla fine degli anni 80.

Perchè tutto questo entusiasmo, come mai assistiamo ad una specie di incantesimo che sembra essersi rotto dove milioni di persone improvvisamente assumono orgoglio nazionale e patriottico e si dicono fieri di essere italiani? Come mai un atteggiamento del genere in una nazione famosa nel piangersi addosso e nel gettarsi sempre merda vedendo l’erba del vicino sempre più verde? L’Italia non è mai stata la Francia parlando di “patriottismo” ed amor proprio. Come mai un atteggiamento del genere in poco tempo? Come mai milioni di persone improvvisamente dopo lunghi anni di apatia ritornano entusiasti a parlare di politica? Come mai dall’altra parte della barricata si vede un odio verso una controparte politica che non si vedeva dai tempi del berlusca, questa volta amplificato dai media tutti contro? Un primo punto da sottolineare è che il governo lega-5 stelle rappresenta da un certo punto di vista la fine e l’inizio di un primo macro-ciclo della nazione Italia o senza andare su cicli così lunghi, la fine almeno di un primo ciclo nato con la nascita della repubblica ( a fine anni ‘40 del novecento) ed il ripudio della monarchia fino ai nostri giorni, quindi un ciclo della durata di 70 anni o poco più. Questa cifra mi fa venire in mente un ciclo che gli esoteristi e gli studiosi di cicli storici conoscono bene, ovvero quello di 72 anni.
Igor Sibaldi

Prendo una citazione di Igor Sibaldi tratto dall’articolo di civiltascomparse intitolato appunto “72” che è molto profetico nell’inquadrare un ciclo (tralasciando la sola situazione italiana) che vedrà il suo culmine per lo studioso, guarda caso negli anni 2012-2018:



Dunque, un anno della civiltà è 72 anni dei nostri, ogni 72 anni si ripete la situazione di 72 anni prima...


...72 anni dopo (la rivoluzione francese, aggiunta mia personale), 1862-1868, [in quest’arco di tempo] due stati han cominciato a darsi da fare in Europa, nella civiltà occidentale, e uno nelle Americhe, gli Stati Uniti. Che cosa han fatto? Hanno rivoluzionato tutto quanto. Gli stati del nord, 1864 in America, han detto “cambiamo tutto”, gli stati del sud han detto “no, restiamo come prima.” Chi ha vinto? Era inevitabile, in quel periodo di ribellione, hanno stravinto gli stati del nord, hanno schiacciato gli stati della confederazione [del sud] e s’è cambiata la storia di un paese.


In Europa quali stati stavano pigliando la stessa iniziativa? La Prussia e il Piemonte. Il piccolo stato del Piemonte, in quel periodo, stava dicendo: “ma se io metto su, non una ribellione, [bensì] un “Risorgimento”, comincio a far fuori tutti.” Tutti gli stati un po’ arretrati, che non si ribellano […] Per cui lo stato delle Due Sicilie dice: “no, noi siamo fedeli al passato”: distrutto, lo Stato Della Chiesa: distrutto, tutte le varie repubbliche, tutte quante fatte fuori, l’Austria, legata al passato: distrutta, sconfitta in quel periodo. Perchè? Perchè era il periodo delle ribellioni.

1934-1940 [72 anni dopo], chi si è ribellato questa volta? Uno stato solo, purtroppo: l’America, che proprio in quel periodo ha fatto il New Deal; cosa vuol dire il New Deal? “Cambiamo tutto quanto, non funzionava il modello economico precedente, lo cambiamo del tutto.” E’ stato l’unico (stato) a trovarsi nel momento giusto nella condizione giusta. Gli altri stati europei, purtroppo, hanno perso completamente quel treno lì, l’Italia era ferma, la Germania era ferma: venivano dal periodo precedente, quello dei sei anni precedenti, che si chiama “il periodo delle dominazioni”, il periodo in cui cominciano sempre le dittature, cominciano sempre i capi, in America Roosevelt, in Europa Hitler, in Russia Stalin. Nel periodo appena concluso, si richiedeva alle cellule della civiltà occidentale di ribellarsi, cambiare, scuotere di dosso il vecchio, per affrontare il periodo che comincia quest’anno [72 anni prima, l’inizio della Seconda Guerra Mondiale], 2012-2018, il periodo del “non si può più aiutare nessuno.”




Per Igor Sibaldi il post 2018 dovrebbe far seguito ad un periodo di 6 anni dove si raggiungerà la massima tensione e per lui solamente negli anni 30 o 40 del nuovo millennio dovremo vedere qualcosa di davvero nuovo e positivo.

Quindi da un punto di vista astrologico siamo agli inizi e alla fine di importanti cicli, da un punto di vista puramente di studio ciclologico storico siamo in sincronia con importanti periodi storici, tralasciando comunque per ora il discorso ciclico, il vero successo dell’alleanza lega-m5s rimane il loro incarnare e rappresentare perfettamente l’unione degli opposti, il simbolo del tao trasposto in maniera politica:

  • la lega rappresenta il nord (anche per le sue origini), il movimento 5 stelle il sud (questo anche nell’analisi elettorale del voto, anche al di fuori della contrapposizione tra i due partiti al governo, molti dicono che la vittoria dei 5 stelle è dovuta al sud che vuole il reddito di cittadinanza e quindi politiche assistenzialiste “opposte” ai più nordici e meno assistenzialisti leghisti, cosa non completamente vera anche numeri alla mano, ma come già detto in passato, gli archetipi e gli stereotipi, le analisi sommarie, la cosiddetta “chiacchiera da bar” spesso ci da un significato più profondo, simbolico dell’evento, ci indica l’umore della coscienza collettiva).
  • La lega rappresenta la destra (è nella sua storia), il movimento 5 stelle la sinistra (nei temi e nell’elettorato che mira a conquistare)
  • la lega rappresenta la tradizione che vuole ergersi nel caos attuale (anche nelle teorie economiche, nel preservare le tradizioni religiose e linguistiche, in uno dei suoi punti principali che è stata sempre la lotta contro l’immigrazione clandestina, quindi contro lo straniero non in regola che entra nella nostra nazione, il nuovo, il diverso ecc.), il m5s rappresenta ideali acquariani, il nuovo zeitgeist più liquido, meno ideologico e più innovativo ed ha nuove idee di economia (decrescita, fine del lavoro salariato, reddito universale, democrazia rappresentativa ecc.)



Si potrebbero fare molti altri esempi di questa unione di opposti ma ciò che meraviglia e crea tanta fiducia in molte persone è proprio la voglia di creare una sintesi tra il meglio che vi è a destra e il meglio che vi è a sinistra, è qualcosa di anomalo in Italia che ripeto (senza dare giudizi buono o cattivo) non si vedeva dalla creazione della Costituzione (quando partiti opposti si unirono per fondare l’Italia repubblicana), infatti indipendentemente se questo governo sarà trionfante o una catastrofe, per la prima volta dopo tanto tempo, partiti opposti si uniscono per creare un qualcosa di nuovo che non sia più legato a concetti quali ristrettezza e rispetto di regole a noi imposte. In Italia esperimenti di unione tra opposti, non come semplice inciucio per magari imporre diktat europei o di altro tipo, ma come progetto per creare qualcosa di nuovo unendo le proprie idee, sono sempre falliti (tranne nell’immediato dopoguerra mondiale, come accennato, per la creazione della costituzione e dell’Italia repubblicana), questo fallimento è avvenuto sia per via della sudditanza estera e sia per la stagione delle stragi, quindi indubbiamente tutti ostili al governo o meno sanno che è cambiato qualcosa e che questo governo per molti è visto come l’ultima occasione o forse l’ultima illusione possibile.

Per ora vediamo molte somiglianze con il governo Trump sia nell’atteggiamento unilaterale ed ostile dei media, nell’uso (da parte di Salvini soprattutto) di un linguaggio forte, delle accuse di razzismo, del cambio delle politiche migratorie, dell’accenno al populismo, degli avversari visti come radical chic.

Se la vittoria di Trump fu il tonfo definitivo alla credibilità dei media (qualcosa che in futuro sarà ricordato come un nuovo muro di Berlino, vi rimando sempre al mio articolo sulla vittoria di Trump), in Italia la demolizione dei media è cominciata molto prima, dal 2013, con la vittoria “non televisiva” dell’m5s che in quel periodo molto più intransigente di oggi, evitava le apparizioni televisive, i manifesti pubblicitari ed elettorali (cosa riguardo questi ultimi che a grandi linee rimane tutt’oggi) e nonostante tutto si affermò come il primo partito italiano. La rivoluzione non sarà televisiva. Eventi epocali avvengono sottotraccia senza testimonianza ed eco del mainstream intento a preservare il vecchio ordine.

Come detto varie volte in passato, l’Italia è da sempre un laboratorio di sperimentazione, una coscienza collettiva che per la sua storia e la sua localizzazione ha anticipato la politica futura.

Ritornando alle assonanze con il governo presieduto da Trump, ricordiamo ad esempio che dopo l’elezione di Trump, cosa davvero insolita in contesto statunitense, molti scesero in piazza a protestare e molte furono le iniziative contro le sue politiche (e continuano tutt’oggi), in Italia abbiamo la nostra versione con il gesto delle magliette rosse e il Michael Moore nostrano in piena discesa di credibilità che è Saviano (che cerca di agitare le folle verso un’insurrezione), un parallelismo davvero inquietante. Abbiamo la nostra CNN (il gruppo Espresso-La Repubblica), ed abbiamo esponenti di governo che come nell’amministrazione Trump vengono accusati di ambiguità ed affiliazione ai poteri forti, vi sono le stesse idee sulle politiche riguardo l’immigrazione (confini chiusi-muro al confine del Messico vs porti chiusi) e sull’economia-politica (protezionismo e nazionalismo, ambiguità sul rispetto dei trattati internazionali).

Molti personaggi creduti come casti e illibati difendono l’indifendibile e persone che credevamo cattive si dimostrano con maggior buon senso. Tutti contro tutti, in un etichettare fascista e razzista chiunque sia contrario e all’opposto “servo dei poteri forti” o “piddino” chiunque sia contrario all’azione del governo. Mai il dibattito, persino in ambienti più neutri e monotematici come quello complottista, si è fatto così forte e acceso verso un governo, persino ai tempi di Berlusconi, infatti il forte odio che quest’ultimo generava nella controparte, era mitigato da metà dei media che lo difendevano, cosa che ha sempre evitato lo scontro sociale. Da una parte i complottisti duri e puri, quelli che vedono ogni manifestazione del mainstream o che abbia una certa visibilità come retta da una cabala del male a cui nulla e nessuno può opporsi e che parlano di continua presa per il culo, altri che difendono il governo ed altri ancora più cauti che stanno a vedere.

Tralasciando il governo, in ogni campo della nostra cultura e società si sta arrivando ad una resa dei conti, non si tratta della semplice distruzione del vecchio mondo, se Apocalisse vuol dire “rivelazione” allora logicamente essa porterà trasparenza nelle azioni, per questo ora i fatti del mondo (dopo il caos terribile degli scorsi anni) diventano un minimo più chiari. Quando i lupi si tolgono la maschera di agnello, non esistono più le mezze misure, ognuno è esposto nell’arena pubblica, “c’è chi sarà preso e chi sarà lasciato”. E’ il tempo delle opinioni estreme, perché sono tempi estremi in cui più che la verità, la realtà ti viene addosso ed è impossibile rimanere indifferenti, quindi ognuno sarà scoperto (qualcosa che ho sperimentato a livello personale a partire dal 2012), sarà la versione in grande di ciò che avvenne nel post seconda guerra mondiale, dove svelati gli orrori del fascismo e nazismo, i pochi che rimarranno coerenti, continueranno a difendere quel vecchio mondo, pagando la loro coerenza con la lapidazione pubblica, mentre il resto cercando di mimetizzarsi, se non opererà un lavoro di comprensione diventerà insignificante e isolato da tutto, si troveranno in un mondo nuovo e diverso in cui dovranno ricostruire nuovamente la propria condizione nel mondo (non solo dal punto di vista economico), anche per questo dapprima ci sarà rabbia ed odio e finito tutto chi non ce la farà si autodistruggerà.

Il mio non è un discorso puramente politico ed economico, vorrei fosse così, magari, mi troverei in vantaggio, anche perché quando gli adorati da molti Borghi e Bagnai ad inizio 2000 parlavano bene dell’euro, io ero invece strasicuro che sarebbe stata una moneta che ci avrebbe impoverito. Leggevo libri che prevedevano l’11 settembre anni prima di quando in effetti si fosse realizzato ed infatti quando avvenne, vista la messa in scena hollywoodiana e catastrofista, fui inorridito e a bocca aperta come tutti, ma assolutamente non sorpreso, anzi ricordo che dicevo “ecco qui, è avvenuto” e i miei genitori a dirmi “avevi ragione tu”, non perché avevo previsto l’11 settembre, ma perché avevo sempre discusso che eventi simili potessero avvenire per direzionare l’opinione pubblica verso una società del controllo e con meno libertà. Ricordo che prima della grande crisi economica mondiale del 2008, leggevo continuamente articoli economici per capire quando potesse scoppiare. Dai vari articoli letti e dai vari analisti seri (non quelli del sole 24ore) ero sicurissimo che sarebbe avvenuta nel 2006, sbagliai di pochi anni. Sapevo anche che c’era la volontà di creare la guerra mondiale, ma proprio dal 2008 abbandonai l’atteggiamento da complottista duro e puro e capì che c’erano altre forze in gioco, negative o positive non si sa, ma che andavano contro comunque l’nwo ed oltretutto la realtà non poteva analizzarsi con semplici categorie di nero e bianco ed oggi nei circuiti di informazione si discute tanto di questo.

Potrei fare esempi numerosi, ma prima che qualcuno dica che me la stia tirando, non è affatto così, perché tutto questo elenco che ho fatto, questa sintesi delle mie previsioni e dei canali privilegiati a cui avevo accesso, mi hanno reso una persona con una forte conoscenza in alcuni ambiti ma non una persona migliore. Sono una persona con enormi difetti, come tutti sicuramente, ma da diversi anni a questa parte mi riesce impossibile mettere quei difetti in un cassetto, perché viviamo l’era della trasparenza. Tutto questo per dire che se la cosiddetta apocalisse riguardasse solamente fatti geopolitici, economici, storici ed altro sarei felice, avrei qualche vantaggio perché non ho mai avuto atteggiamenti dogmatici tipici dei seguaci del mainstream e dei complottisti puri, ho abbandonato tante convinzioni in vita mia e sono fiero di non essere stato sempre dalla parte di una barricata, perché il mio pensiero è un work in progress. L’apocalisse riguarderà e riguarda già soprattutto la nostra psiche, quella è la battaglia più grossa da combattere, con noi stessi e tralasciando chi patetico è legato al vecchio mondo, segue i baroni dell’informazione ufficiale ecc., loro do per scontato che certi processi non possono comprenderli, a me spesso danno più fastidio i complottisti dury e pury (come scriveva qualcuno), quelli sempre pronti a giudicare e mai a giudicarsi, ad ergersi a di sopra degli altri, l’immagine speculare dell’elite che vorrebbero avversare. Come in alto così in basso, non dimentichiamolo mai. Ciò che succede nel piccolo, in una dimensione più ristretta é simile a ciò che succede in alto con una magnitudine e scopi molto più grandi. Non bisogna dare per scontato assolutamente nulla, perché ciò che credevamo sicuro e solido o una persona che ritenevamo affidabile, può facilmente rivelarsi il contrario.

La nostra civiltà ha sempre basato tutto sugli scontri. Quelli che molti chiamano potere o elite ha sempre preso come riferimento a partire dall’ottocento la dialettica hegeliana, il tesi Vs antitesi = sintesi, un ragionamento che se usato per il bene porterebbe molti vantaggi, ma che da pochi è stato utilizzato per aizzare il dividi et impera per creare così lo scopo che si erano prefissato.

Senza andare troppo nel personale, cosa si deve intendere per cambio traumatico della psiche e delle convinzioni? E’ successo mai qualcosa di simile in passato? Certo gli esempi sono numerosi e ho accennato tante volte al crollo del fascismo e a persone fasciste che morto Mussolini si sono trovate in un mondo completamente opposto a quello in cui credevano, fortemente ostile alla loro visione. La magnitudine ai nostri tempi sarà più grande e vi sono molti esempi attuali, basti pensare ai comunisti divenuti una invisibile presenza politica che sopravvive soprattutto in qualche giovane idealista o in qualche nostalgico, visto che una gran parte è traghettata verso il centrosinistra (ma non solo, vi sono persino ex comunisti che votano 5 stelle e lega, diciamo quelli più influenti sono in area centrosinistra) finendo per appoggiare quelle politiche che il comunismo diceva di combattere. Fino agli anni 90 il comunismo prendeva ancora gli ultimi rimasugli ed ancora poteva godere dell’eco del grande crollo di inizio anni 90. In Italia avevamo rifondazione comunista che sfiorava il 10% nel suo periodo più florido ed in modo speculare al ruolo della lega nel centrodestra, era l’ago della bilancia dei vari governi di centrosinistra, ovvero l’epoca di Prodi, senza il loro appoggio il governo infatti crollava (come successo con la caduta del governo Prodi nel 1998 proprio a causa del ritiro della fiducia da parte di RFC). Insomma era un partito che godeva di qualche milione di voti, traguardo oggi impossibile.

Mentre ora tutti gridano alle aperture delle frontiere e la lotta si riduce ad uno sterile e obsoleto dibattito sui diritti civili, i comunisti a fine anni 90 ed inizio 2000 ancora discutevano di sovranità, di monopolio ed oligopolio della produzione, di new economy ed appoggiavano ed erano fortemente in sintonia con i No Global, che ebbero un forte eco e persino una parte della stampa dalla loro parte oltre ad un libro bestseller internazionale: “no logo” di Naomi Klein.

Il gruppo di estrema sinistra Rage Against the machine, tra i più amati gruppi rock della seconda metà dei ‘90 fece persino un video sulla “battaglia di Seattle”, ovvero la manifestazione contro il WTO del 1999 che mise in luce nel mainstream questo movimento. Erano tempi diversi dove la sinistra alternativa aveva ancora una minima rappresentanza parlamentare e riusciva comunque a dimostrarsi davvero alternativa allo status quo e soprattutto a prevedere pericolosi zeitgeist futuri (il neoliberismo promosso dal WTO e tutta la deriva totalitaria dei rapporti sociali ridotti a commercio), ma la storia li aveva comunque distrutti e stavano semplicemente raccogliendo le ultime briciole ed echi storici, e ciò faceva si che molti di loro trasformassero le loro battaglie in una sterile difesa dei diritti civili come punto più esposto del loro zeitgeist morto (fenomeno di questi ultimi anni soprattutto), oltretutto fuori tempo massimo, visto che persino in tv, nei cinema e nelle pubblicità fanno opere di sensibilizzazione a favore della diversità, essendo una cosa accettata e vista come giusta persino dalla destra che deve scegliere le parole giuste, persino i vecchi fascisti non si permetterebbero mai di dire che l’omosessualità è una malattia, poteva capitare ad inizio anni 2000, oggi chiunque affermasse ciò avrebbe la carriera politica (e anche non politica) distrutta. Quel rimasuglio che di ideologico oramai non ha più nulla e che si è svuotato della lotta dei diritti primari, è stato risucchiato dallo zeitgeist neoliberista ed ugualitario del politically correct, riducendo il concetto di uguaglianza a “renderci tutti uguali” e la lotta politica al “basta che la destra non va al governo”. Stiamo parlando naturalmente di zeitgeist e non di quei pochi politici che ancora si dichiarano comunisti che tentano un certo approccio con questa materia, non rendendosi conto che il loro tempo è finito, a differenza invece di “comunisti” che si tengono ben lontano sia dai tentativi parlamentari inutili che dal centrosinistra attuale e loro avranno con sorpresa un futuro sicuramente più radioso, dove vedranno battaglie che loro proclamavano da decenni, vinte da gente che hanno sempre detestato, perché l’apocalisse è così, imprevedibile, capovolge tutto.

Ricordo che a fine anni 90, inizio 2000, quando cominciavo per la prima volta ad addentrarmi nell’informazione alternativa più oscura, mi appassionavo molto anche ai cosiddetti alternativi più mainstream, come Beppe Grillo, che dopo un periodo di silenzio ed oscurità si preparava ad emergere per almeno un decennio come voce dissidente degli italiani, fino alla imprevedibile (in quei tempi) sua discesa politica, con spettacoli che facevano il sold out, con personaggi dello spettacolo, economisti ed altre persone che di nascosto andavano da lui per chiedere consigli (fu lui a prevedere e per questo ad essere sentito anche dai magistrati, il crac parmalat), che ospitava Alex Zanotelli, personaggio che per un brevissimo periodo seguivo con passione perché raccontava l’Africa più vera e per pochi mesi ho persino pensato di andare con qualche associazione umanitaria per qualche anno in Africa, o magari con Greenpeace (a salvaguardare l’ambiente), perché era inammissibile che un continente fosse sfruttato e morente, che ancora una parte dell’umanità dovesse soffrire così. Che tempi! Zanotelli, un personaggio che non riuscirei più a seguire attualmente, niente di personale assolutamente, ma è parte e viene usato o meno (controvoglia o meno) di quel sentire e di quella buona parte dei personaggi della Chiesa, sempre primi a diffondere lo spirito di carità e mai a proporre soluzioni lontane dal pietismo e dal mito razzista (questo si) del “buon selvaggio” da mantenere e coccolare e a cui fare semplicemente carità.

Ricordo che (anche se in un periodo successivo, dal pre-youtube alla sua nascita) guardavo e riguardavo con orrore le immagini delle proteste contro il g8 di Genova del 2001, il giorno in cui morì il movimento no global e la sinistra italiana. Il 2001 più in generale è stato l’anno dove questa visione transumana, neoliberista, questo virus ha preso possesso persino delle menti più vitali della società, l’11 settembre è stato l’evento simbolo e più rumoroso, ma non l’unico. Da lì in poi nel mainstream ogni battaglia per il benessere collettivo è stata distrutta dall’avanzare del Moloch e la sinistra intesa in senso classico è stata mantenuta viva e vitale solo grazie ad un personaggio come Berlusconi.

Ed ecco qui che tutto questo movimento di persone che una volta erano i più duri oppositori dello status quo, ora sono i più strenui difensori di un cadavere che si cerca di tenere in vita, durato 70 anni, l’epoca del risaputo storico, vitale almeno fino agli anni 70, una visione di vita andata avanti come discusso varie volte, per nostalgia, celebrazioni, in ciò aiutati anche dall’avvento del digitale che ha allungato sconsiderevolmente un sistema sovraesposto, risaputo, con strade e piste continuamente battute.

Se tutti hanno paura del nuovo che avanza, nel mainstream, paradossalmente quelli che appaiono come buoni che possono essere visti in Italia come i cosiddetti amanti dell’uguaglianza a tutti i costi, il centrosinistra ed anche la destra tradizionale, sono quelli che più tengono in vita uno zombie che se distrutto farebbe crollare non solo le impalcature degli ultimi 70 anni, ma come un effetto domino verrebbe giù tutta l’impalcatura millenaria, quel virus che infetta l’umanità da troppo tempo, anche questo è uno dei motivi del perché mai nella storia italiana un governo è stato così osteggiato dalla totalità dei media, accusato di nazismo, fascismo, di essere stato eletto da ignoranti, per questo economisti di fama mondiale e in Italia diversi giornalisti (cosa inimmaginabile fino a qualche anno fa), propongono il voto solamente per pochi e non per gli ignoranti (ignorante poi in base a quale saggio criterio lo sanno solo loro), ricordiamo tutti le parole di Scalfari, dell’oligarchia illuminata terrorizzata da cosa può significare la brexit, l’alt right che appoggia Trump ecc., ma anche in questi giorni le dichiarazioni fioccano, si propongono persino droghe per chi viene dichiarato razzista e populista, per fargli cambiare idea. Qui c’è terrore e disperazione, c’è lo stesso atteggiamento dei nazisti che criminalizzavano i loro avversari dichiarandoli come inumani. Molti dimenticano che gli stessi nazisti godevano di simpatie ed appoggi che oggi non crederemo (da Inghilterra ed USA erano molti gli estimatori ed i finanziatori di Mussolini ed Hitler, basti pensare Churchill), come detto anche in quel periodo molti credevano di essere dalla parte giusta della storia e nessuno pensava a cosa si sarebbe verificato in futuro.

E si ritorna ad inizio articolo, perché per quanto in alcuni punti può sembrare, questo non è un articolo politico, come detto il governo pentaleghista non è l’alba nuova (ed all’interno ha personaggi effettivamente razzisti ed ambigui) e non per forza porterà benessere e prosperità al nostro popolo, semplicemente è l’unica miccia che può distruggere il sistema zombie italiano, un sistema inumano che è andato oltre il suo limite di vita. I loro simili in campo politico possono fare lo stesso a livello mondiale.

Distrutto tutto, non per forza verrà qualcosa di migliore, ma i morti devono essere lasciati riposare, altrimenti ciò che emergerà sarà solamente il transumanesimo spinto con conseguente fine dell’umanità, quello che già stanno sperimentando in città feudali-schiaviste high tech come Dubai che è il futuro distopico che aspetta l’umanità se non cambiamo rotta. Lasciate stare i lustrini e le luci sgargianti, guardate qualche video di persone che hanno avuto esperienza di lavoro in quei luoghi.

Se tutto andrà bene le parti più illuminate del pentaleghismo e degli altri movimenti che nel mondo si avvicinano a spunti cosiddetti populisti, riusciranno a cooptarsi e a togliere dalla voglia di scontro sociale e di guerra la parte più illuminata ed ammaestrata dal mainstream del cosiddetto centrosinistra e centrodestra tradizionale o dai liberisti, unendo il meglio che ognuno ha, distruggendo la servitù millenaria, fondando la vera uguaglianza e cominciando finalmente a vivere e non recitare. Ancora nessuno sa cosa è l’essere umano, sarebbe ora di cominciare a scoprirlo ed uscire dal trauma e dalla vittimizzazione e dalla bipolarità che ci portiamo avanti da millenni.